Iscriviti

Coronavirus: liberi dal virus a metà Maggio. Ecco le previsioni degli esperti

Secondo uno studio dell’Einaudi Institute for Economics and Finance, la diffusione del COVID-19 dovrebbe concludersi nei prossimi 40 giorni con l’azzeramento dei contagi. Ecco le previsioni per ciascuna regione

Cronaca
Pubblicato il 30 marzo 2020, alle ore 23:14

Mi piace
7
0

Un segnale positivo sull’evoluzione dell’emergenza sanitaria, dovuta al diffondersi del COVID-19 in Italia, è arrivato con l’ultimo bollettino della Protezione Civile. Secondo i dati del 30 marzo, il numero dei contagi totali dall’inizio dell’epidemia ha raggiunto quota 101.739, ma la crescita nelle ultime 24 ore ha subito un vistoso rallentamento con 4.050 nuovi casi accertati contro i 5.217 delle 24 ore precedenti.

Non si arresta purtroppo il numero dei decessi che, con gli 812 casi riscontrati nell’ultimo giorno, raggiunge la cifra di 11.591. Attualmente le persone positive sono 75.528, mentre quelle guarite sono 14.620 (+ 1.590 nelle ultime 24 ore).

Questi dati giornalieri aiutano a capire l’entità, nonché l’evoluzione del fenomeno, e sono la base per poter fare delle previsioni, su quando il nostro paese uscirà da questa emergenza sanitaria. Ci ha pensato uno studio dell’Einaudi Institute for Economics and Finance, l’istituto di ricerca finanziato dalla Banca d’Italia, a fornirci delle ipotetiche date.

I calcoli statistici dell’EIEF prevedono che l’azzeramento dei contagi possa avvenire in un periodo compreso tra il 5 e il 16 Maggio, quando anche la Toscana, ultima regione in ordine di tempo secondo i ricercatori, non avrà più casi positivi al COVID-19.

La regione che invece dovrebbe liberarsi per prima dal virus è il Trentino Alto Adige, la cui data prevista di azzeramento dei contagi è il prossimo 6 Aprile. A seguire il 7 Aprile dovrebbe toccare a Basilicata, Liguria e Umbria, l’8 alla Valle d’Aosta, il 9 alla Puglia, il 10 al Friuli Venezia Giulia, l’11 toccherebbe all’Abruzzo, il 14 a Sicilia e Veneto.

Ed ancora il 15 al Piemonte, il 16 al Lazio, il 17 alla Calabria, il 20 alla Campania, il 22 alla Lombardia, il 28 all’Emilia Romagna e, infine, il 5 Maggio alla Toscana. Nelle simulazioni non sono incluse Marche, Molise e Sardegna, poiché i dati disponibili non consentono di fare una previsione attendibile.

Cosa ne pensa l’autore
Costantino Ferrulli

Costantino Ferrulli - Una delle domande ricorrenti che si fanno gli italiani è: quando finirà questa pandemia? Ovviamente non abbiamo la risposta certa, che dipende da molti fattori, quali ad esempio eventuali mutazioni del virus o mancato rispetto delle regole di contenimento. In ogni caso l’EIEF ha proceduto a delle analisi statistiche sui dati giornalieri forniti dalla Protezione Civile e ha stilato una previsione per ciascuna regione. Ritengo che le previsioni siano ottimistiche, per cui spero si possano avverare.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!