Iscriviti

Google: novità per Workspace, Duo, Foto, Google TV, Chrome, Nest e YouTube

Grazie ai rumors dei leaker ed alle comunicazioni ufficiali, è possibile apprezzare le tante novità che Google sta rilasciando, o anche solo sviluppando, per migliorare l'esperienza d'uso dei suoi utenti in alcuni dei suoi servizi più interessanti.

Software e App
Pubblicato il 5 marzo 2021, alle ore 12:04

Mi piace
5
0
Google: novità per Workspace, Duo, Foto, Google TV, Chrome, Nest e YouTube

Nel mentre la modalità scura arriva anche agli utenti italiani di Maps, Google, che ha promesso in futuro una rivoluzione pubblicitaria (smettere di tracciare i singoli utenti per rivolgersi a gruppi con interessi e comportamenti web simili), si è resa protagonista di diverse novità, per Workspace, Duo, Chrome, Google TV, smart display Nest, e YouTube/Music.

Il primo pacchetto di novità rilasciato da Google riguarda Workplace (ex G-Suite). Meet consentirà la trasmissione degli eventi su più domini, e supporterà la sottotitolazione automatica di quanto trasmesso: in più, grazie al picture-in-picture ed allo split-screen, sarà possibile un maggior multi-tasking, potendo seguire l’evento senza perder d’occhio la posta (Gmail). Su Calendar l’utente potrà fissare degli eventi di nuova tipologia, in modo da non esser disturbati dalle notifiche e, grazie a una sintesi quotidiana delle sue attività (non messa in condivisione con i capi), potrà migliorare la gestione del proprio tempo lavorativo. La gestione degli accessi sarà rivoluzionata, sì da badare tanto alla sicurezza dei dati dei clienti quanto a quella dei propri: inoltre, saranno messi a disposizione due nuovi pacchetti applicativi, Workspace Essentials (con Chat, Jamboard e Calendar) e Workspace Frontline (con strumenti di collaborazione e comunicazione sicura, per rimanere in contatto col settore operativo o i clienti). Nell’attesa di tali novità future, è partito il roll-out (per ora solo lato mobile, su Android, limitatamente alla lingua inglese) per l’integrazione di Assistant negli account Workspace che, di conseguenza, possono usare i comandi vocali per inviare mail, messaggi, conoscere le date degli appuntamenti, consultare il calendario, etc.

Su Duo le chiamate sono destinate a migliorare, grazie all’avvio dei test relativi al nuovo codec Lyra che, riscontrato un basso byte-rate, impiega diversi modelli di machine learning, per migliorare la resa del parlato. Sempre in tema di comunicazione, Google ha incominciato, partendo dagli USA, a mettere a disposizione l’interfaccia web (il cui indirizzo sarà mail.google.com/mail/u/0/chat/) di Google Chat anche in favore degli utenti privati. Su Google Foto, dopo “Let’s Play“, l’intelligenza artificiale ha preso a generare (attingendo al rullino degli utenti) una nuova categoria di ricordi, con suggestive foto di albe e tramonti, battezzandola col nome di “The Magic Hour“.

Presto, sui tablet Android, il browser Chrome offrirà, secondo i leaker di 9to5Google, un’esperienza d’uso migliorata, dato che, il programma, rilevando dimensioni e densità di pixel idonei, aprirà automaticamente le pagine dei siti in formato desktop, permettendo così di sfruttare la maggior diagonale messa a disposizione dai monitor delle “mattonelle intelligenti”. Anche la versione per browser di Chrome è destinata a migliorarsi, secondo quanto illustra Chrome Story, che ha scoperto la comparsa, nel canale Canary del browser, del pulsante “Segui”, che permetterà di rimanere aggiornati sulle ultime novità pubblicate dai siti di proprio interesse. Sempre in tema di futuri cambiamenti, Google ha annunciato che, dal 21 Settembre 2021 (Chrome 94), a scopo sicurezza, rilascerà una nuova versione del suo browser ogni 4 settimane (1 volta al mese, dunque). Tra le novità già n rilascio per il browser Chrome, invece, figura uno switch semplificato tra i vari account, ognuno dei quali personalizzabile a vista con appositi sfondi o schemi di colori, attraverso una schermata che, all’avvio del browser, permetterà di passare dall’account in corso a uno ospite, o di crearne uno nuovo (se necessario). 

In tema di intrattenimento, secondo quanto scoperto analizzando il codice della release 4.25, sembra che prima o poi Google TV permetterà di usare il proprio smartphone come telecomando per la propria televisione intelligente, con tanto di pulsanti e trackpad virtuali, all’insegna di quello che appare essere come un vero e proprio pensionamento dell’app Android TV Remote Control, non a caso priva di aggiornamenti dal 2017. Sugli smart display Nest Hub e Nest Hub Max, alle attuali 8 watchface, ne verranno presto aggiunte delle altre: “Timeless”, in versione chiara e scura, rappresenterà un orologio analogico circolare, con i classici indici, le lancette per ore e minuti, e il sottile ago per i secondi. “Weather”, invece, esibirà l’ora in formato digitale, con un colore di sfondo che rappresenterà le condizioni meteo, indicate anche tramite indicazioni testuali e di temperatura. 

YouTube Music, secondo quanto scoperto dall’utente Reddit u/Iordbrack, si appresta, nelle prossime settimane, a rilasciare una nuova playlist automatica, “Library Tracks“, che attingerà a tutti i brani della libreria dell’utente, scaricabile off-line, e con possibilità della riproduzione casuale. Nel frattempo, la nuova interfaccia per la schermata “Now playing” (ora in riproduzione), rilasciata a Maggio per Android, inizia a fare la sua comparsa anche sugli iPhone, con la conseguenza che sarà possibile avere tutti i comandi principali a portata di mano, nella stessa finestra. Ancora test per YouTube, questa volta in merito alla piattaforma standard, e lato mobile Android: secondo Android Police, Google sta testando una nuova interfaccia per la sezione commenti, con un pulsante “Visualizza tutto” (per mostrare anche altri commenti) e (in alcuni casi) un form testuale per l’inserimento rapido di commenti o risposte. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Google si appresta davvero a grandi cambiamenti: Workspace sembra sempre più funzionale ai professionisti, ma anche gli utenti normali non sono stati trascurati, con un nuovo approccio pubblicitario, una migliorata user experience anche per Chrome e (si spera) YouTube. Un'altra tendenza che emerge è l'interesse sia a migliorare l'ambito delle utilities che quello dell'intrattenimento.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!