Iscriviti

Giorgia Meloni chiede di affondare la Sea Watch 3

Il presidente di "Fratelli D'Italia" si unisce al pensiero di Matteo Salvini, chiedendo al governo italiano di far affondare la nave della Sea Watch 3.

Politica
Pubblicato il 27 giugno 2019, alle ore 12:48

Mi piace
4
0
Giorgia Meloni chiede di affondare la Sea Watch 3

I 42 migranti della Sea Watch 3 hanno passato un’altra nottata in mare, dopo che ieri il capitano della nave, Carola Rackete, ha forzato il blocco del governo italiano e, in particolar modo quello di Matteo Salvini, e si è avvicinato al porto di Lampedusa, rimanendo a tre miglia di distanza mentre aspetta delle ulteriori soluzioni.

Intanto, questa vicenda ha fatto discutere molto anche i vertici politici. Oltre al messaggio rilasciato da Matteo Salvini e dal suo alleato Luigi Di Maio, anche Giorgia Meloni, leader di Fratelli D’Italia, dice la sua sulla Sea Watch 3, invitando il governo italiano ad abbattere la nave dopo, ovviamente, averne fatto scendere il personale e gli ospiti.

Le parole di Giorgia Meloni sul caso Sea Watch 3

Il presidente di Fratelli d’Italia si unisce al parere di Matteo Salvini, chiedendo addirittura di far abbattere la nave: “Mi aspetto che il governo italiano faccia rispettare quelle regole che le ong pensano di poter violare e a norma di diritto internazionale questo significa che la Sea Watch [è, ndr] una nave che deve essere sequestrata, che l’equipaggio deve essere arrestato, che gli immigrati che sono a bordo devono essere fatti sbarcare e rimpatriati immediatamente e che la nave deve essere affondata, come accade con le navi che non rispettano il diritto internazionale”.

Il motivo dietro a questa decisione, secondo Giorgia Meloni, è che va fatto perché Carola Rackete, il capitano della Sea Watch, non ha rispettato alcune leggi: “Contro la volontà del governo italiano, dello Stato italiano e della sovranità italiana la Sea Watch viola i nostri confini, entra nelle acque territoriali italiane con l’obiettivo di portare gli immigrati clandestini che ha a bordo sul nostro territorio nazionale”.

Uno dei primi a scagliarsi contro le parole di Giorgia Meloni è Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra Italiana dal 19 febbraio 2017.  L’onorevole, con un filmato, invita il presidente di Fratelli D’Italia a curarsi per il suo delirio. Successivamente, dichiara di essere pronto ad imbarcarsi sul primo volo per Lampedusa, con l’obbiettivo di salutare Carola Rackete ed aiutare i 42 migranti presenti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - Mi ricordo che Giorgia Meloni si è schierata da sempre con il più forte, ed anche in questa circostanza non si tira indietro, mostrando che non ha molti argomenti da regalare. La situazione della Sea Watch 3 resta assai delicata, e sicuramente queste parole non aiutano a tenere gli animi tranquilli

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

27 giugno 2019 - 12:50:44

La Meloni, in effetti, ha esagerato. Però mi chiedo come mai queste persone partano sempre da uno Stato in piena guerra civile, tralasciando le zone limitrofe, come Egitto, Tunisia, Marocco, Algeria, pacificate praticamente da sempre.

0
Rispondi