Iscriviti

Poco M3, ufficiale: low cost con maxi batteria e triplice fotocamera posteriore

Un rapidissimo evento andato in onda a metà giornata nel cuore della Cina ha portato alla ribalta il nuovo smartphone Poco M3, un accessibile e vivace device dotato di grande autonomia e attenzione alla multimedialità, presente in due versioni mnemoniche.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 24 novembre 2020, alle ore 14:24

Mi piace
5
0
Poco M3, ufficiale: low cost con maxi batteria e triplice fotocamera posteriore

Dopo un breve periodo di pausa, Pocophone, sotto brand di Xiaomi dedicato all’immissione sul mercato di dispositivi performanti a basso prezzo, torna alla carica donando un erede all’ancor recente Poco M2, tramite il successivo Poco M3, appena presentato tramite un evento streaming in onda dalla Cina.

Avversario dei Samsung A31 e dell’Oppo A53, il nuovo Poco M3 (162,3 x 77,3 x 9,6 mm, per 198 grammi) palesa una scocca in policarbonato vivacemente colorata nelle nuance Cool Blue, Power Black e Poco Yellow, che avvolge sia la back cover, soggetta a un trattamento anti impronte, che la zona laterale sulla quale, a destra, spicca lo scanner per l’acquisizione delle impronte digitali.

L’attenzione all’aspetto multimediale principia, sotto un vetro protettivo Gorilla Glass 3, dal display, un LCD da 6.53 pollici, risoluto in FullHD+, esteso con un aspect ratio a 19,5:9 sul 90.34% di screen-to-body, riposante per gli occhi (contenimento della luce blu certificata TÜV Rheinland) con, in più, il beneficio del supporto allo standard di codifica L1 Widevine, per fruire in HD dei contenuti ad es. di Dazn, Prime Video, e Netflix. 

Un notch a goccia è l’espediente scelto per alloggiare la selfiecamera, da 8 megapixel (f/2.05, 1.12 micron, Ai Face Unlock) mentre, sul retro, un bumper da 1 mm di sporgenza, piuttosto esteso onde stabilizzare l’appoggio del device su una superficie piana, raccoglie (prima del vistoso e candido logo POCO) i sensori della triplice fotocamera, da 48 (pixel binning per pixel da 1.6 micron, f/1.79, sensore da 1/2 pollici), 2 (macro a 4 cm, f/2.4, fuoco fisso), 2 (profondità, f/2.4) megapixel, attrezzata per foto con effetti cinematografici (Movie Frame), timelapse, slow motion a 120 fps, foto notturne (Night mode), e Color Focus (effetti pop sulle foto). In tema di sound, assieme al jack da 3.5 mm con Radio FM, il Poco M3 mette in campo anche due speaker stereo (uno in alto e uno in basso) con protezione anti polvere e certificazione per un output Hi-Res

Per assicurare la fluidità necessaria, 4 GB di RAM (LPDDR4X) assistono il processore octacore (2.0 GHz) Snapdragon 662, realizzato a 11 nanometri e abbinato alla GPU Adreno 610: lo storage (UFS 2.2) ammonta a 64 o 128 GB, risultando sempre espandibile via microSD (+512 GB), senza toglier spazio alle due SIM per il 4G

Le restanti connettività del Poco M3 rendicontano della presenza del Wi-Fi ac dual band, del Bluetooth 5.0, del GPS, di un emettitore di infrarossi, e di una porta microUSB Type-C con cui caricare rapidamente, a 18W, la batteria a lunga durata (600-1.000 cicli di carica), da 6.000 mAh, bastevole per 196 ore di playing musicale, 17 ore di streaming, 11 ore di registrazione video, abilitata anche al reverse charging.

Out-of-the-box con l’interfaccia MIUI 12 applicata su Android 10, il Poco M3 è prezzato a 159,90 euro per la variante 4+64 GB, che calano a 129.90 in occasione del Black Friday (27-30 Novembre), ed a 179.90 euro per quella da 4+128 GB, a sua volta scalata a 149.90 euro nello stesso periodo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Decisamente low cost, il Poco M3 lo è: anche nella versione con più storage è alla portata di tutti. Nella fascia di prezzo in cui si colloca, porta specifiche non scontate, come lo speaker stereo Hi-Res, un display FullHD+, il fingerprint fisico (e non solo il face unlock 2D) ma, soprattutto, introduce un'autonomia impressionante, grazie alla batteria da 6.000 mAh. Posteriormente, tanto di cappello dalla fotocamera da 48 megapixel: peccato per la scelta di lasciare il sensore macro al posto di un ultragrandangolo, certo più utile.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!