Iscriviti

Facebook: tour promozionale in Europa, sezione per le news di qualità, restrizioni sui live

Il più popolare social network al mondo, specie dopo la definitiva chiusura di Google+, ha avviato un tour per l'Europa, per dialogare con le istituzioni continentali, e prospettato più informazioni di qualità e un maggior controllo sui contenuti discutibili.

Internet e Social
Pubblicato il 3 aprile 2019, alle ore 10:50

Mi piace
8
0
Facebook: tour promozionale in Europa, sezione per le news di qualità, restrizioni sui live

Ancora polemiche per Facebook che, sempre presa di mira dalle correnti più progressiste della politica americana, sembra non conoscere tregua nemmeno in Germania, ove Zuckerberg non è stato accolto propriamente bene dalle istituzioni del posto. In compenso, arrivano nuove proposte per un’informazione di qualità ed il controllo dei contenuti discutibili all’interno della piattaforma. 

Continua a far discutere la proposta di spezzettamento dei colossi hi-tech, ideata dalla senatrice democratica Elizabeth Warren per la sua campagna elettorale in vista delle prossime presidenziali USA: secondo l’editorialista dell’inserto “Affari & Finanza” del quotidiano “La Repubblica”, Federico Rampini, in caso di vittoria ed elezione, la Warren potrebbe spingersi sino al costringere Facebook verso la dismissione di WhatsApp e Instagram, in ottica anti monopolio. 

Non che in Germania sia andata meglio. In tour per l’Europa all’insegna della moral suasion, Mark Zuckerberg si è recato nel motore economico del Vecchio Continente, ove ha incontrato la nuova leader della CDU, Annegret Kramp-Karrenbauer, ed il ministro della giustizia Katarina Barley, che ha rimproverato il giovane CEO per non aver fatto nulla per tutelare i dati degli utenti, pur potendolo a prescindere da un prossimo ed eventuale intervento pubblico, e per l’intenzione di concentrare in un’unica struttura le sue app principali, specie in un momento in cui c’è una forte esigenza di proteggere gli iscritti da un tracking incontrollato. Per altro, le recenti richieste di Zuckerberg di maggiori controlli pubblici su questioni cruciali per gli operatori hi-tech non hanno convinto né il deputato di sinistra Anke Domscheit-Berg, secondo cui sarebbe difficile credere a chi ha fatto operazioni di lobbying e insabbiamento per ottenere delle deregolamentazioni in merito, mentre il garante per la privacy di Amburgo ha definito gli ultimi interventi di Zuckerberg puro marketing

Ovviamente, il giovane magnate americano non si è fatto scoraggiare da tali critiche. Nel corso di un incontro, sempre in Germania, col potente CEO della casa editrice Axel Springer (proprietaria di Bild) Mathias Döpfner, ha confermato il suo impegno per un’informazione di qualità (Facebook sarà main sponsor del Festival del Giornalismo, in svolgimento a Perugia tra il 3 ed il 7 Aprile) con l’intenzione, magari entro il 2019, di varare una sezione a parte, rispetto al NewsFeed, simile ad Apple News+, ma gratuita, in cui gli utenti possano trovare informazioni verificate e di alta qualità. Gli editori, in questo caso, verrebbero remunerati in base alle interazioni generate con gli utenti e tenuto conto delle visualizzazioni di questi ultimi. 

Infine, l’affaire Christchurch. Sheryl Sandberg – amministratore delegato di Facebook – dopo aver ricordato quanto l’intelligenza artificiale del social sia stata brava nel riconoscere e rimuovere prontamente 1.5 milioni di spezzoni del lungo filmato da 17 minuti della strage, ha dichiarato, in merito alla questione, che la piattaforma sta rivedendo internamente – in senso restrittivo – i criteri che presiedono a chi possa o meno effettuare i live.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Sui tour promozionali di Zuckerberg in giro per il mondo, non mi esprimo, essendo per lo più interessato alle azioni pratiche e di sostanza. Sono curioso di vedere come potrebbe tradursi nella realtà la sezione per le informazioni di qualità: in passato, Menlo Park ha tentato qualcosa di simile, a livello locale, con la sezione "Today In", ma senza molto successo. Un progetto simile, ma di caratura nazionale e più prestigiosa, vedrà una maggior adesione e successo?

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!