Iscriviti

Instagram: partito il test della feature "Non disturbare"

I prossimi OS mobili si preparano a informare l'utente sul tempo passato nelle varie app ma, nel frattempo, queste ultime - e nel caso specifico Instagram - introducono utili funzionalità per non essere disturbati, limitando l'impatto delle notifiche.

Software e App
Pubblicato il 4 luglio 2018, alle ore 20:05

Mi piace
11
0
Instagram: partito il test della feature "Non disturbare"

Le ultime notizie riportano che i prossimi sistemi operativi mobili, Android P per Google, ed iOS 12 per Apple (specie in seguito al “mea culpa di Tim Cook che mai avrebbe voluto che tanto tempo si passasse sui suoi telefoni), integreranno sistemi centralizzati per gestire il tempo passato sulle applicazioni. Maggiore flessibilità, tuttavia, si otterrà quando simili funzionalità arriveranno anche sulle single app: Facebook si è già mossa sull’argomento (test già partito su iOS), e ora tocca al suo photo-sharing Instagram.

Kevin Systrom, co-fondatore dell’app ed attuale suo CEO, un paio di mesi fa aveva ammesso dei test in corso in merito a quella che si sarebbe potuta definire come una usage insights, (dati di utilizzo), in modo da favorire un uso più consapevole della piattaforma in oggetto.

A quanto pare, però, la strategia sembra essere più attiva: il sistema “You’re All Caught Up”, annunciato non più di qualche ora fa, segnalerà quando un utente avrà scrollato tutti i contenuti degli ultimi 2 giorni, ed ora tocca ad una funzionalità che blocca gli aspetti più invasivi dell’applicazione.

La notizia proviene dal portale tecnologico “TechCrunch“, che ne ha condiviso l’indiscrezione a suon di screenshot. In pratica, ad alcune testate, ed agli account di vari specialisti e giornalisti di settore, sarebbe stata attivata la feature, quindi sperimentale, “do not disturb” che – tramite un selettore – permetterebbe di spegnere le notifiche push di Instagram da 30 minuti a una giornata intera, passando per 1/2/8 ore, e senza dimenticare la più comoda opzione “until I turn it off” (“finché non lo disattivo”).

Inoltre, secondo quando è possibile dedurre, dalla medesima location, di facile accesso, all’utente verrebbe anche offerta la facoltà di silenziarne semplicemente i suoni e le vibrazioni (in tal  modo, pur mantenendo attivi gli avvisi, se ne depotenzierebbe l’impatto disturbante, privandoli del feedback aptico e sonoro).

Per il resto, in fatto di novità stabili, sembra essere in corso una parziale revisione stilistica del profilo utente, sostanziata in una diversa freccia “back” in alto a sinistra, ed in qualche nuova icona. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Trovo che sia molto più utile inserire certe funzionalità caso per caso, nelle singole app, più che - centralmente - nei sistemi operativi: si ha l'idea di un maggior controllo posto nelle mani dell'utente e - oltretutto - si ottiene una maggior flessibilità nel gestire l'interazione con le singole applicazioni. Bene, quindi, che anche Instagram si sia decisa, ed in modo più "attivo" che con banali statistiche di utilizzo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!