Iscriviti

Matteo Renzi invita Luigi Di Maio a fare le scuse al Partito Democratico

L'ex segretario del Partito Democratico, nel corso dell'intervista a "Non E' L'Arena" di Massimo Giletti, ha sottolineato che Di Maio ha strumentalizzato la vicenda di Bibbiano.

Politica
Pubblicato il 25 settembre 2019, alle ore 00:01

Mi piace
2
0
Matteo Renzi invita Luigi Di Maio a fare le scuse al Partito Democratico

Matteo Renzi è stato protagonista di un’intervista nella trasmissione “Non E’ L’Arena”, condotta dal presentatore Massimo Giletti. L’ex segretario del Partito Democratico ha voluto fare delle critiche nei confronti del ministro per gli Affari Esteri, Luigi Di Maio, sottolineando il comportamento scorretto dell’ex vice presidente del consiglio dei ministri.

Queste sono le dichiarazioni dell’esponente del nuovo partito “Italia Viva”, che si è espresso dicendo: “Di Maio non è giustificabile quando strumentalizza la vicenda di Bibbiano. L’ex esponente del PD ha ricordato che è giusto tenere alta l’attenzione su quanto avvenuto in merito a quegli scandali, ma allo stesso tempo ha fatto notare che hanno provato a strumentalizzare la vicenda di Bibbiano.

Le parole di Matteo Renzi

Queste sono le dichiarazioni dell’ex segretario del Partito Democratico che ha affermato: “Ma come è possibile dire che quegli abusi sono colpa del PD?”. Renzi ha sottolineato che Luigi Di Maio dovrebbe fare le proprie scuse al PD e ha ricordato che il giorno in cui è avvenuta la fiducia si è dovuto mordere la lingua in quanto ha ripensato agli insulti subiti.

Inoltre l’ex presidente del consiglio dei ministri ha avuto modo di porre l’accento su Beppe Grillo, attraverso queste parole che non lasciano alcun dubbio in merito: “Io di Grillo continuo a pensare le stesse cose del passato”. Matteo Renzi ha continuato dicendo di non aver ritirato alcuna querela nei confronti dei Cinquestelle e ha ricordato di essere stato definito come “ebetino” da Grillo.

Quest’ultimo ha criticato il nuovo partito di Renzi parlando di “minchiata” e Renzi ha risposto dicendo che Grillo ha dimostrato di essere un signore della politica. Nel corso della chiacchierata con Massimo Giletti, Matteo Renzi ha fatto notare che ognuno deve andare per la propria strada facendo il bene degli italiani e ha risposto brevemente riguardo alla domanda su Nicola Zingaretti che ha rivelato di aver saputo della scissione tramite un WhatsApp. Renzi si è limitato a rispondere spiegando che non ha voglia di fare alcun tipo di polemica.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Gaetano Perrotta

Gaetano Perrotta - Ha inizio una nuova esperienza politica di Matteo Renzi e sarà una sfida affascinante quella di riuscire a ottenere dei consensi, ma è evidente che non cambia il parere dell'ex segretario del Partito Democratico riguardo al Movimento Cinque Stelle. La certezza, stando alle sue parole, è che non darà problemi al governo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!