Scosse elettriche e lavaggi del cervello su bambini: il business choc scoperto dai carabinieri (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 27 giugno 2019, alle ore 16:01

Scosse elettriche e lavaggi del cervello su bambini: il business choc scoperto dai carabinieri

Falsi ricordi indotti da elettroshock e lavaggi del cervello. Così un gruppo di assistenti sociali avrebbero spinto decine di bambini a testimoniare contro le proprie famiglie d’origine. Una volta aver ottenuto la certificazione dei falsi maltrattamenti in famiglia, i bimbi (tutti provenienti da famiglie in difficoltà economica) venivano affidati a famiglie il cui scorrimento in graduatoria veniva favorito dietro compenso. Una sorta di mercato nero delle adozioni. 

Scosse elettriche e lavaggi del cervello su bambini: il business choc scoperto dai carabinieri

In alcuni casi i bimbi sarebbero finiti nelle grinfie di pedofili. L’operazione dei Carabinieri che ha portato all’arresto di 18 persone si chiama “Angeli e Demoni” ed ha permesso di fare luce su una tratta di minori che avveniva nel nord Italia.
Dei falsi terapeuti tramite delle fiabe e delle scosse elettriche, inducevano i bambini ad avere falsi ricordi su violenze sessuali mai ricevute. 

Scosse elettriche e lavaggi del cervello su bambini: il business choc scoperto dai carabinieri

Tra gli iscritti nel registro degli indagati ci sarebbe anche il sindaco di Bibbiano, rieletto poche settimane fa. Insieme a lui, politici, medici, assistenti sociali, liberi professionisti e psicologi e psicoterapeuti di una Onlus di Torino. 
La rete dei servizi sociali della Val D’Enza è accusata di aver redatto le false relazioni per allontanare bambini dalle famiglie per poi “venderli” ad amici e conoscenti.

(CONTINUA NELLA PAGINA SEGUENTE)