Iscriviti

Il post choc del piddino Huber su Salvini: "Da mussoliniano dovrebbe comprendere che prima o poi finirà a testa in giù"

Alessandro Huber, segretario del Pd in Alto Adige e membro dell'assemblea nazionale Pd, ha attaccato duramente Salvini: l'ira della Lega non si è fatta attendere.

Politica
Pubblicato il 31 luglio 2018, alle ore 19:36

Mi piace
6
0
Il post choc del piddino Huber su Salvini: "Da mussoliniano dovrebbe comprendere che prima o poi finirà a testa in giù"

Alessandro Huber, segretario provinciale del Pd (membro dell’Assemblea nazionale del Partito Democratico, presidente nazionale dell’associazione di promozione sociale Deina e vice-presidente di Deina Trentino-Alto Adige a Bolzano), ha innescato una polemica che sta ulteriormente incendiando la canicola estiva.

L’atleta italo-africana Daisy Osakue, come è ben noto, è stata vittima di una aggressione a Moncalieri, in provincia di Torino: l’evento, che non si crede riconducibile ad una matrice razziale, è stato immediatamente strumentalizzato dalla sinistra per accusare nuovamente Matteo Salvini.

La discobola azzurra si trovava per strada quando alcuni ragazzi le hanno lanciato delle uova che l’hanno disgraziatamente colpita in un occhio: “Credo che non cercassero me ma più in generale una ragazza di colore. In quella zona ci sono molte prostitute di origine africana, probabilmente volevano colpire una di loro per fare una bravata” . Occorre sottolineare che al lancio non sono seguite alcune minacce xenofobe e che la banda delle uova aveva già colpito precedentemente pensionati e donne a Moncalieri

Alessandro Huber ha pubblicato un commento sulla sua pagina Facebook decisamente scioccante in merito: lo screenshot delle parole del piddino è stato pubblicato da Massimo Bessone, segretario leghista alto atesino. Nel post si vede la fotografia della Osaku sovrastata dal pensiero di Huber: “Aggredita e malmenata a Moncalieri, colpa? Negritudine. Ma va tutto bene, tranquilli ora ci pensa Salvini”. A seguire il  commmento incriminato: “Sì, è ora di dirlo. Ogni aggressione è da lui legittimata con il suo sproloquio fascista e la sua incitazione all’odio. Se ne prenda la responsabilità, da mussoliniano dovrebbe imparare dal maestro: si finisce a testa in giù poi però”.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, di ritorno dalla Casa Bianca, ha telefonato a Daisy Osakue. Gli inquirenti stanno verificando le circostanze, la giovane al telefono col capo del governo non ha potuto confermare il movente razziale. Conte ha espresso la solidarietà anche a nome del governo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Chiara Lanzini

Chiara Lanzini - Credo che questa vicenda sia stata strumentalizzata e, come accade sempre più spesso, i fatti vengono decontestualizzati dalla realtà per avvallare una tesi: anche se non si è in linea con il lavoro del ministro dell'Interno Matteo Salvini, trovo eccessivi e smisurati gli attacchi moltiplicatesi in merito alla presunta influenza mefistofelica del suo operato.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!