Iscriviti

Famiglia Cristiana colpita dalla paranoia: Salvini è come il Diavolo

La rivista dei Paolini reagisce alla decisione del ministro dell'Interno di chiudere i porti italiani agli immigrati, paragonando il capo del Viminale al Demonio.

Politica
Pubblicato il 26 luglio 2018, alle ore 12:44

Mi piace
2
0
Famiglia Cristiana colpita dalla paranoia: Salvini è come il Diavolo

Gli insulti, le offese e le lesioni dell’onore contro Matteo Salvini non accennano a placarsi e, anzi, diventano sempre più incandescenti. Dopo Roberto Saviano, che aveva definito Salvini “il ministro della malavita”, un essere crudele e disumano simile a Hitler, adesso sul “carrozzone dei complimenti” è salita pure la Chiesa Cattolica.

La rivista Famiglia Cristiana, infatti, ha paragonato Salvini nientedimeno che al Demonio. Un’accusa senza precedenti che esaspera gli animi sulla questione immigrazione. Il settimanale dei Paolini ha gettato Matteo Salvini nelle fiamme dell’Inferno perché sarebbe colpevole, a suo dire, di aver chiuso i porti italiani ai continui sbarchi di profughi che attraversavano il Mediterraneo per approdare sulle nostre coste.

L’intervento della Chiesa in materia di accoglienza non è certo nuova. Basti pensare a tutte le volte che papa Francesco, dalla loggia di San Pietro, ha predicato la necessità di accogliere i diseredati della terra che arrivano a bordo di barconi o di navi Ong, affermando che chi non accoglie un profugo non va in paradiso. Ma con Famiglia Cristiana l’offensiva cattolica ha alzato il tiro, paragonando Salvini addirittura al Diavolo.

“Come pastori non pretendiamo di offrire soluzioni a buon mercato”, scrive il settimanale dei Paolini. “Rispetto a quanto accade non intendiamo, però, né volgere lo sguardo altrove, né far nostre parole sprezzanti e atteggiamenti aggressivi non possiamo lasciare che inquietudini e paure alimentino un clima di diffidenza e disprezzo, di rabbia e rifiuto”.

Intanto, però, la rivista dei Paolini ha contribuito ad esagitare gli animi paragonando Salvini a Satana. Un attacco in sintonia con gli appelli del papa a lasciare le porte aperte a questa continua invasione africana di cui solo l’Italia, fino a poco tempo, se ne faceva carico nell’indifferenza dell’Europa. Ma, mentre Bergoglio si limita a predicare in chiave evangelica, Famiglia Cristiana è passata ad aggressioni verbali.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Mario Barbato

Mario Barbato - I vescovi e i preti dimenticano che S. Martino, quando incontrò il mendicante seminudo e intirizzito dal freddo, gli diede la metà del suo mantello. Quindi pensò sia al mendicante che a se stesso. Oggi quel se stesso è costituito dai milioni di Italiani che vivono nella povertà. Nessuno pensa a costoro, nemmeno i vescovi preoccupati di riempire l'Italia di sfaccendati mantenuti con le nostre tasse. Gli Italiani possono morire di inedia. Per quanto riguarda l'inferno, i Paolini si devono mettere d'accordo con Bergoglio, che anche recentemente ci ha spiegato che l'inferno non esiste.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!