Iscriviti

Il ministro Matteo Salvini chiude i porti: "Da oggi l’Italia inizia a dire no"

Il ministro dell'interno Matteo Salvini dichiara che la nave Ong sarebbe dovuta ormeggiare a Malta. Ad appoggiare Salvini c'è Luigi Di Maio, mentre invece il premier maltase attacca: "Roma vìola le leggi internazionali".

Politica
Pubblicato il 11 giugno 2018, alle ore 23:23

Mi piace
4
0
Il ministro Matteo Salvini chiude i porti: "Da oggi l’Italia inizia a dire no"

Dopo le promesse in campagna elettorale che non ci sarebbero stati più sbarchi in Italia, Matteo Salvini mantiene le promesse e punta il dito contro Malta: “Non dà disponibilità all’attracco nei suoi porti e arrivano tutti da noi”.
Porti italiani chiusi e scontro con Malta, questo sta accadendo in questi ultimi giorni nella politica italiana. Motivo dei dissapori con l’Isola-stato sono stati 629 migranti, salvati nella notte e poi presi a bordo dalla nave Aquarius della Ong “Sos Méditerranée”, che ha a bordo il personale preparato di Medici senza Frontiere.

Domenica Salvini ha sollecitato con una lettera urgente le autorità maltesi chiedendo di far sbarcare la nave – che si trovava a circa 43 miglia da Malta – nel porto di La Valletta, quello “più sicuro“. Il ministro dell’Interno Salvini e il Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli hanno deciso che l’Italia questa volta non offrirà approdi. 

A Malta però ritengono di non dover rispettare le linee guida dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni in quanto sono troppo piccoli per sostenere i costi degli sbarchi. Nella giornata di venerdì i maltesi hanno offerto assistenza in mare ma vietato l’ingresso al porto della nave Seefuchs, che trasportava circa 126 migranti: alla fine è intervenuta la Guardia Costiera italiana che ha scortato la nave fino a Pozzallo (Sicilia).

Oltre ad essere piccoli per sostenere gli sbarchi, il governo di La Valletta trova un ulteriore cavillo, ossia: “Il salvataggio della Aquarius è avvenuto nell’area libica ed è stato coordinato dal centro di coordinamento di soccorso a Roma e quindi Malta non è né l’autorità coordinatrice né è competente per questo caso”, questo è ciò che ha dichiarato un portavoce alle 17:30 di Domenica. Un’ora dopo, inoltre, è arrivata anche la smentita della lettera sopra citata inviata da Salvini, anche se essa risulta al centro di coordinamento della Guardia Costiera di Roma.

Le dichiarazioni di Salvini e Di Maio

Il ministro Salvini ha replicato sui social con l’hashtag #chiudiamoiporti che da oggi anche l’Italia dirà no al traffico di esseri umani e al business dell’immigrazione clandestina, specificando che il suo obiettivo sarà quello di offrire una vita serena a queste persone in Africa. Poi con un comunicato con il Ministro delle Infrastrutture dichiara: “Malta non può continuare a voltarsi dall’altra parte quando si tratta di rispettare precise convenzioni internazionali”, ma poi specifica che tutta l’Europa si fa gli affari suoi in tema ‘immigrazione’, e l’Italia deve affrontare tutto da sola.

La linea dura di Salvini viene ribadita e condivisa anche dal vicepremier Luigi di Maio: “Siamo stati lasciati soli, l’Ue non è solidaleAnche Giuseppe Conte esprime il suo pensiero coerente con quello dei suoi colleghi: “L’Italia si ritrova ad affrontare in totale solitudine l’emergenza immigrazione. Il regolamento di Dublino va radicalmente cambiato“.

Nel frattempo, mentre la politica discute, a bordo della nave di 629 migranti ci sono 123 minori non accompagnati, 7 donne incinte e 11 bambini. Acquarius per ora si trova in stand-by a 27 miglia da Malta e a 35 miglia dall’Italia e, come spiegato dal presidente del Consiglio, ci sono due motovedette con medici a bordo pronti ad intervenire per qualsiasi emergenza sanitaria. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Serena Spaventa

Serena Spaventa - La situazione migranti in Italia è scottante ormai da alcuni anni. Lasciata sola per troppo tempo l'Italia si è ritrovata ad essere un porto sicuro per i migranti in Europa e spesso da sola ha affrontato tutto. E' importante mettere al primo posto la vita delle persone che sono su quelle navi, ma lo è anche un appoggio dell'Europa intera per non far collassare l'Italia già in difficoltà per tante situazioni.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!