Iscriviti

Vivo Nex 3: il nuovo stato dell’arte del segmento telefonico premium

Attesissimo da mesi, è stato svelato oggi il nuovo top gamma (anche 5G) di Vivo, rappresentato dal Nex 3, con triplice fotocamera anellare sul retro, e maxi display curvo sul frontale, per giunta omaggiato da una selfiecamera a pop-up.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 16 settembre 2019, alle ore 17:08

Mi piace
5
0
Vivo Nex 3: il nuovo stato dell’arte del segmento telefonico premium

Previsto nella stessa giornata dell’altrettanto atteso Xiaomi Mi 9 Lite, è stato ufficialmente annunciato anche il nuovo top gamma di BBK Electronics rappresentato dall’innovativo Vivo Nex 3 (167.44 x 76.18 x 9.4 mm, per 218.5 grammi), allestito anche con il 5G opzionale ma, rispetto ai predecessori (1dual display), ancor più incentrato sulla massimizzazione del display.

Sotto un vetro Shott Xensation UP è posto un luminoso (800 nits) display da 6.89 pollici formato da un pannello P-OLED con risoluzione FullHD+, supporto all’HDR10, e ottima densità d’immagine (100% sulla scala 100% P3) che, infatti, matura uno screen-to-body del 99.6% tramite alcuni particolari accorgimenti: la particolare curvatura “Waterfall” estesa sui lati, appunto privi di pulsanti fisici con questi ultimi sostituiti da aree sensibili alla pressione in cui il feedback viene restituito da una vibrazione, uno scanner biometrico sottostante (con l’area sensibile maggiorata del 25%), e l’adozione di una selfiecamera a pop-up (estratto in 0.65 secondi), da16 megapixel, con Hyper HDR messo a disposizione della funzione Portrait Master.

Sul retro, il Nex 3, propone in alto, sopra il Flash LED, un Lunar Ring al cui interno sono presenti tre sensori fotografici, guidati dal sensore principale, da 64 megapixel (ISOCELL Bright GW1 di Samsung, 1/1.71’’, f/1.7) a cui fa seguito quello grandangolare (120°) da 13 (f/2.2) e quello telescopio (ottico 2X, digitale 20x, macro da 2.5 cm) da 13 (f/2.48) megapixel. Lato audio, la predisposizione al multimediale del device ci conferma con la presenza del jack da 3.5 mm, presieduto da un chip audio (DAC) dedicato.

Il processore scelto per il Nex 3 di Vivo, rappresentato dall’octacore Qualcomm Snapdragon 855 Plus coopera assieme alla GPU Adreno 640 con 8 o 12 GB di RAM (LPDDR4X), mentre lo storage non espandibile (UFS 3.0), sede naturale del sistema operativo Android Pie sotto l’interfaccia FunTouch OS 9.1, ammonta a 128 o 256 GB: l’insieme è tenuto a freno, nei bollenti spiriti del calore generato, da un sistema di dissipazione a camera di vapore, capace di abbassare le temperature anche di 10°.

Anche i segmenti connettività ed autonomia, nel Nex 3, risultano essere stati predisposti senza giungere a compromessi: idoneo a supportare l’uso contemporaneo di due SIM (con 4 o 5G secondo la versione scelta), il nuovo arrivato integra un preciso (Glonass/A-GPS/BeiDou) localizzatore GPS, un modem per la connessione Wi-Fi ac a doppia band ed il Bluetooth 5.0, un modulo NFC per i pagamenti contactless, ed una microUSB Type-C con cui caricare (rapidamente, a 44W) la batteria, da 4.500 mAh.

Previsto per la commercializzazione nei prossimi giorni, dal 21 Settembre, secondo le colorazioni Deep air streamer (nero) e Liquid Tianhe (bianco), il Vivo Nex 3 sarà listato a 641 euro (4.998 yuan) per l’unico modello 4G previsto, con 8+128 GB, ed a 730 (5.698 yuan) o 795 euro (6.198 yuan) per le due versioni 5G, in cui lo storage da 256 GB è abbinato a 8 o 12 GB di RAM.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Bello è bello, non discute: d'altronde, a voler essere pignoli, lo erano anche i predecessori. Mi chiedo, non avendolo toccato con mano, se le superfici strizzabili di lato possano avere qualche funzione particolare com'era sui top gamma HTC serie U. Diversamente, sarebbe solo un Dual Edge in stile Samsung solo un tantino meglio riuscito, ma ugualmente difficile da maneggiare, a meno di non imprecare di continuo per i contatti accidentali...

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

16 settembre 2019 - 17:12:32

Corollario: quando si sa disegnare davvero bene una multicamera...

0
Rispondi