Iscriviti

Blackview: in arrivo l’ultra low cost Blackview A60 Pro, ed i rinnovati rugged phone BV9500 e BV9600

Il gruppo cinese Blackview mette assieme le sue due passioni, per gli smartphone economici e per quelli corazzati, annunciando i pre-ordini del nuovo Blackview A60 Pro, e l'adeguamento dei già noti rugged BV9500 e BV9600, ora con Android Pie e CPU Helio P70.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 30 maggio 2019, alle ore 09:18

Mi piace
9
0
Blackview: in arrivo l’ultra low cost Blackview A60 Pro, ed i rinnovati rugged phone BV9500 e BV9600

Blackview, brand cinese apprezzato per smartphone corazzati e con estesa autonomia, si avvia a concludere la settimana con diversi annunci in ambito telefonico, tra cui quello relativo al lancio del nuovo low cost Blackview A60 Pro (successore dell’A60 di fine Marzo), e quello inerente all’aggiornamento prestazionale dei già noti modelli BV9500 e BV9600. 

L’inedito Blackview A60 Pro, nelle colorazioni di un verde smeraldo, di un blu cangiante, e di un nero interstellare, si concede un design minimalista all’insegna della goccia d’acqua che tocca appena il display: grazie al notch delicato, in cui la selfiecamera da 5 megapixel esegue il Face Access scandendo 1.024 punti facciali, il display guadagna il 92% della superficie a disposizione del lato A, estendendosi per 6,088 pollici in formato panoramico 19.2:9 con una risoluzione da 600 x 1280 pixel (e conseguenti 232 PPI).

Presente in alto un jack da 3.5 mm per le cuffie, ed in basso una microUSB con cui caricare la batteria da 4.080 mAh, ottimizzata lato AI (chiusura delle app non usate attive in background), sul retro, sono situati uno scanner per le impronte digitali (al centro) ed una doppia fotocamera verticale (a sinistra), formata da un modulo da 8 megapixel in appoggio a uno secondario per le informazioni sulla profondità da inserire nell’effetto Bokeh.

Non meno interessante è il processore quadcore (2 GHz) Helio A22 da 12 nanometri che, in veste di MT6761, si avvale del CorePilot per guadagnare in efficienza e fluidità, potendo contare su 3 GB di RAM e 16 GB espandibili di storage: grazie al medesimo chip logico, le reti 4G con VoLTE supportano tutte le principali frequenze globali, con stabilità e risparmio energetico (grazie alle antenne TAS 2.0 appunto ottimizzate dal chipmaker MediaTek). Il sistema operativo, invece, è Android Pie 9.0: ad oggi, il Blackview A60 Pro è già in pre-ordine, a 68.99 dollari, con speciali concorsi che permettono – avendo anche dei regali (vetro temperato e cover siliconica trasparente) – di portarlo a casa alla cifra simbolica di 1 dollaro.

Interessante, infine, quanto prospettato da Blackview a proposito di due rugged phone, i BV9500 e BV9600, decisamente apprezzati nel 2018 con 3 milioni complessivi di pezzi venduti: il primo, caratterizzato da un 5.7 pollici FullHD con 4+64 GB di RAM, 10.000 mAh di batteria, postcamera da 16 e selfiecamera da 13 megapixel, passerà al più potente processore Helio P70, e sarà out-of-the-box a Giugno, con Android Pie a bordo. Il secondo modello subirà lo stesso trattamento, con l’arrivo di Android Pie e del nuovo MediaTek P70, arrivando in commercio a Giugno nella configurazione standard 84+64 GB), ed a Luglio in quella Pro (6+128 GB, a 100 dollari in più).

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Decisamente, Blackview ha intrigato non poco gli amanti della telefonia cinese, con quanto annunciato in sede di articolo: il Blackview A60 Pro è un muletto economico a cui è difficile dire no. Sarebbe bellissimo che ne venisse condiviso il codice sorgente, per aiutare i moddatori a realizzare varie custom rom che ne esaltino le caratteristiche, creando una community di fan attorno al telefono. Per il resto, trovo geniale - come già avviene per i computer - il far uscire due versioni potenziate ed aggiornate di due suoi apprezzati rugged phone.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!