Iscriviti

Realme annuncia la tecnologia di ricarica rapida wireless MagDart

L'atteso evento hi-tech targato Realme ha portato alla ribalta, oltre a vari accessori magnetici per smartphone, anche la tecnologia di ricarica rapida magnetica, per Android, MagDart.

Hi-Tech
Pubblicato il 3 agosto 2021, alle ore 19:36

Mi piace
4
0
Realme annuncia la tecnologia di ricarica rapida wireless MagDart

Dopo aver stupito già nel 2020 con il sistema di carica cablato SuperDart da 125W (in arrivo nel 2022, e superato da Infinix seppur solo grazie a un prototipo), il marchio cinese Realme di BBK Electronics ha rivoluzionato anche la ricarica wireless, con quella magnetica MagDart, alternativa alla tecnologia MagSafe di Apple, inaugurata con gli iPhone 12

Il primo dispositivo ad avvalersi della tecnologia MagDart (invero messa a disposizione di tutti i brand Android, grazie al varo del MagDart Fusion Plan) è il MagDart Charger, un piccolo scatolotto che si aggancia magneticamente sul dorso di uno smartphone, per ora compatibile solo con concept del futuro smartphone Realme Flash, accreditato di un processore Snapdragon 888 coadiuvato da 12 GB di RAM e da uno storage da 256 GB: secondo l’azienda, grazie al nuovo dongle con sottili (0.3 mm) magneti di cobalto e boro, per altro provvisto di una ventola (Active Air Cooling System) per mantenere basse le temperature del telefono, procedendo a 50W, se ne potrà caricare la batteria, da 4.500 mAh, del 20% in 5 minuti e del 100% in meno di un’ora (54 minuti). 

Optando per il MagDart Charger da 15W si disporrà di un caricatore che, grazie all’architettura della charging mainboard, che dispone i componenti in modo tale da poter scongiurare eventuali surriscaldamenti, evita il ricorso alla ventola, risultando più sottile (3.9 mm) e silenzioso. In questo caso la ricarica da 0 a 100, della medesima batteria, avviene con tempistiche più “rilassate”, cioè in 90 minuti. Nel caso si necessiti di maggior libertà, si potrà optare per il MagDart Power Bank, un powerbank da connettersi al dorso del telefono che, però, appaiato con la basetta, forma con essa una stazione di ricarica: da segnalare che tale accessorio può erogare corrente allo smartphone anche nel mentre, a sua volta, si carica grazie alla rete elettrica.

Come nel caso di Apple, anche in quello di Realme non sono mancati gli accessori (quasi) puramente magnetici, in supporto degli smartphone che saranno in grado di gestirli: nello specifico, mediante il MagDart Luce Beauty, si avrà a disposizione delle foto notturne un illuminatore a 60 LED alimentati via reverse charging dal telefono. Il MagDart Wallet, di fatto inclusivo di un piccolo folder per ospitare massimo 3 carte di credito, è un accessorio con pelle vegana, in alluminio che – grazie al suo kickstand – permette di reggere lo smartphone nel mentre si guardano dei contenuti.

Cover MagDart, non una novità nel suo genere, è una cover con finitura esterna in fibra di carbonio, adatta al Realme GT (a cui si connette via microUSB Type-C) sì da renderlo compatibile con la tecnologia di ricarica wireless magnetica di cui è sprovvisto. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - L'idea, come già visto con Apple, è molto interessante: può creare un assortimento di accessori in grado di rendere modulari gli smartphone, cosa non riuscita a LG ai tempi dell'LG G5. Tuttavia, sarebbe stato il massimo se il tutto avesse previsto anche la presentazione dello smartphone Realme Flash che, evidentemente, non è stato ancora finalizzato completamente.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!