Iscriviti

Trieste, la Polizia di Stato omaggia con un video i due agenti uccisi

Un omaggio ai due agenti uccisi a Trieste con un video pubblicato nel canale social della Polizia di Stato. Litigio Chef Rubio e Demengo: questione chiusa

Cronaca
Pubblicato il 7 ottobre 2019, alle ore 11:24

Mi piace
1
0
Trieste, la Polizia di Stato omaggia con un video i due agenti uccisi

Un video per omaggiare i due agenti uccisi venerdì scorso a TriesteMatteo Demenego e Pierluigi Rotta, così la Polizia di Stato ha voluto salutarli per l’ultima volta nel proprio proprio profilo Facebook. Un video di pochi secondi che è riuscito a commuovere moltissimi utenti e che testimonia la grande amicizia e la dedizione che i due agenti avevano.

In quel “dormite sogni tranquilli” c’è tutta la missione, la responsabilità, la dedizione al prossimo che erano alla base della scelta di Pierluigi e Matteo.” Così si apre il post della Polizia di stato sopra a quel video che vede Demenego e Rotta all’interno della loro volante 2 all’inizio del turno di lavoro. Sono stati proprio i due agenti a girare quel breve filmato inviato successivamente ai propri colleghi in cui affermano di essere finalmente tornati.

Un bacio mandato ai colleghi ed il filmato si chiude; una finestra di qualche istante sull’orgoglio di indossare la divisa della Polizia di Stato per servire la gente, usando le stesse parole scelte dalla Polizia di Stato per descrivere le brevi immagini che hanno deciso di condividere con il mondo. “La storia di una grande amicizia“, continua il post, seguito dall’hasthtag “l’amicizia è una cosa seria“, in cui chiedono a Matteo e Pierluigi di proteggerci anche da lassù.

Chef Rubio e Gianluca Demenego: questione conclusa

Protagonista di questa triste vicenda è stato anche il litigio tra Chef Rubio ed il fratello di uno degli agenti uccisi venerdì scorso, Gianluca Demengo. A scaturire la grande rabbia di quest’ultimo, è stato un post del famoso Chef in cui si definiva indignato per l’accaduto, affermando fosse inammissibile che un ladro riuscisse a disarmare un agente. Secondo Rubio la colpa dell’accaduto risiede ai vertici “di un sistema stantio che manda a morire giovani impreparati fisicamente e psicologicamente“, per poi concludere il suo post affermando di non sentirsi al sicuro in mano di questi agenti.

Mentre le parole di Chef Rubio volevano far riflettere sulle condizioni in cui le forze dell’ordine italiane si ritrovano a dover lavorare, il fratello di Matteo Demenego ha risposto al post del cuoco con parole forti, dettate dal dolore e dalla rabbia dell’accaduto: “tieni sempre la guardia alta quando giri” ha scritto Gianluca Demenego, “fai la fine di mio fratello!” per poi concludere augurando a Rubio di perdere un caro.

Subito però sono arrivate le scuse di Gianluca che si è reso conto di essere andato troppo oltre, chiedendo scusa a Chef Rubio per i toni e le parole utilizzate e mettendo fine alla questione con la richiesta di lasciare amici e familiari nel loro dolore.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Penso che il modo migliore per piangere i due agenti e uomini morti in questo modo terribile, sia quello di andare infondo alla questione e capire che cosa sia andato storto e che cosa si può migliorare per far si che altri giovani agenti non perdano la vita in un modo tanto tragico mentre ci proteggono.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

07 ottobre 2019 - 11:41:10

Forse basterebbe non fare questione quando in commissariato i criminali vengono bendati e ammanettati.

0
Rispondi