Iscriviti
Palermo

Angela da Mondello finisce in questura: maxi multa e guai penali per il suo videoclip "Non ce n’è, non ce n’è"

Guai in vista per Angela da Mondello a causa del suo videoclip "Non ce n'è Coviddi". Finisce in questura e si porta a casa una maxi multa: ecco nel dettaglio.

Cronaca
Pubblicato il 9 novembre 2020, alle ore 18:36

Mi piace
1
0
Angela da Mondello finisce in questura: maxi multa e guai penali per il suo videoclip "Non ce n’è, non ce n’è"

Angela da Mondello deve fare i conti con la giustizia. Diventata popolare sul web grazie al tormentone “Non ce n’è Coviddi“, ora Angela Chianello – questo il vero nome della donna – dovrà affrontare i risvolti penali per aver girato un videoclip in spiaggia insieme ad un nutrito gruppo di giovani, tutti senza mascherina.

La Polizia di Mondello, dopo aver visionato i filmati incriminati e raccolto varie informazioni diffuse sul web, hanno accertato la presenza di un gruppo formato da circa una ventina di persone, intento a ballare e cantare senza rispettare le norme per la sicurezza contro la diffusione del Coronavirus: niente mascherine né distanziamento sociale.

Angela da Mondello nei guai per il videoclip “Non ce n’è, non ce n’è (Covid)”

Per questo motivo, Angela e il suo agente sono stati multati secondo le norme vigenti, con tutta probabilità scatterà per loro anche una denuncia. Il reato che è stato inoltre contestato sarebbe quello di aver organizzato uno show in spiaggia, una zona quindi demaniale, senza i dovuti permessi rilasciati dalla questura, contravvenendo anche al divieto di organizzare spettacoli all’aperto.

Nel videoclip della Chianello, insieme a lei, si vedono molti giovani ballare sulle note di quello che da tempo è diventato un vero e proprio tormentone, “Non ce n’è Coviddi“, che le ha fruttato decine di migliaia di followers ma che ora le sta procurando seri problemi. Anche sui social, dopo la diffusione di alcune anticipazioni del video che ben presto hanno fatto il giro del web, è scattata la polemica. Molti gli utenti indignati per un comportamento superficiale e rischioso per la salute di tutti.

Nella mattinata la casalinga palermitana, insieme al marito, è stata ascoltata nel commissariato di Mondello dal vicequestore aggiunto Manfredi Borsellino, figlio del giudice Paolo, che mettendo in atto le sanzioni previste dal Dpcm anti-Covid ha multato la Chianello.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Cristina Giuli

Cristina Giuli - Sembra davvero poco opportuno, in questo momento di forte emergenza, diffondere sul web certi filmati con comportamenti che mettono a rischio la salute di tutti. Spero che questa decisione di sanzionare e procedere penalmente contro la Chianello possa creare un precedente che demotivi altri fenomeni ad assumere comportamenti analoghi al suo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!