Iscriviti

WhatsApp: tra riascolto delle note vocali prima dell’invio, ed un fastidioso bug al backup

WhatsApp, presa com'è dalle continue novità in via di rilascio (tra queste la facoltà di riascoltare le note audio prima dell'invio), non raramente incorre anche in qualche bug: è il caso di un fastidioso inconveniente mangia-dati che affliggerebbe i backup.

Software e App
Pubblicato il 10 luglio 2018, alle ore 19:26

Mi piace
8
0
WhatsApp: tra riascolto delle note vocali prima dell’invio, ed un fastidioso bug al backup

WhatsApp, la popolare chat-app del gruppo Facebook, ormai da tempo scissa anche in una variante for business, negli ultimi tempi sembra decisamente presa dal fervore creativo dei suoi programmatori che, nel mentre iniziano a testare una nuova feature a vantaggio delle note vocali, dovranno fronteggiare un assai fastidioso bug dell’ultim’ora.

Messa a regime di recente la funzione che segnala comeinoltrati tutti i messaggi non originali, ed introdotto il broadcast anche nei propri gruppi, WhatsApp sembra essere tornata ad uno dei suoi primi “amori”, rappresentato dalle note vocali. Queste ultime, nei mesi scorsi, dopo un lungo collaudo, erano state omaggiate da un semplificato sistema di registrazione, che evitava all’utente di dover tenere il dito premuto nel mentre si registrava il messaggio audio.

Ora, secondo gli insider di WABetaInfo, di nuovo le note vocali sono state attenzionate, con un’opzione che farà felici diversi utenti che prediligono questo formato comunicazionale: nella beta 2.18.206, rilasciata nelle scorse ore per la piattaforma Android (e disponibile anche tramite ApkMirror), WhatsApp avrebbe inserito un sistema che consente di riascoltare un messaggio audio registrato prima di inviarlo: in tal modo, qualora non si fosse convinti del risultato ottenuto, lo si potrebbe cancellare onde ricominciare da capo.

L’altra novità, che fa riferimento sempre a WhatsApp, è una nota dolente. Diversi utenti stanno segnalando, infatti, un fastidioso problema con i backup che, programmabili, vengono instradati verso il cloud di GoogleDrive: nello specifico, sembra che anche i piccoli backup incrementali, dell’ordine di 50/60 MB, interrotti in seguito ad un errore di rete, riprendano poi con dimensioni maggiorate (es. 1 GB).

Le prime verifiche sembrerebbero confermare che, anche a fronte di tale accadimento, non sembri corrispettivamente espanso lo spazio occupato online dal backup e, quindi, che il tutto possa tradursi in un semplice bug o errore di visualizzazione. Onde cautelarsi, però, è bene disabilitare il backup automatico o, quanto meno, consentirlo solo dietro rete Wi-Fi: diversamente, nell’eventualità che il problema fosse reale, sarebbero non pochi i GB di traffico dati a venir sprecati.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - WhatsApp, nelle scorse ore, è stato investito dal fastidioso bug citato, sul quale Menlo Park non ha ancora rilasciato alcuna comunicazione: il problema, quindi, potrebbe essere di lievissima entità, o davvero preoccupante. Nel dubbio, come sempre, è bene usare prudenza. Per quanto riguarda le note vocali, credo che sia decisamente migliore la novità che si prospetta con la nuova beta per Android: poter riascoltare una nota vocale, a mio avviso, è certo più utile che poterne registrare in modo più comodo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!