Iscriviti

WhatsApp: ancora test per la nuova Media Visibility. In roll-out il broadcast per i gruppi

WhatsApp, per colmare il gap funzionale verso Telegram, mentre continua a testare la nuova Media Visibility sulla beta per Android, ha avviato il roll-out di un nuovo strumento a favore degli admin nei gruppi, ora più simili ai canali Telegram.

Software e App
Pubblicato il 30 giugno 2018, alle ore 14:23

Mi piace
7
0
WhatsApp: ancora test per la nuova Media Visibility. In roll-out il broadcast per i gruppi

WhatsApp, a fronte di un parco utenti davvero sterminato, non è (ancora) l’app di messaggistica istantanea più accessoriata dacché – su diversi aspetti funzionali – è sempre preceduta (e distanziata) dalla russa Telegram. Per colmare questo gap, i tecnici di Menlo Park stanno lavorando molto sia sulla gestione dei gruppi, che su quella dei media, come dimostrato dalle recenti implementazioni messe a regime. 

Per quanto riguarda la gestione dei media. Continua ad essere presente, nelle successive versioni Beta di WhatsApp per Android, la funzionalità “Media Visibilityottimizzata: grazie a quest’ultima, per il modo in cui è stata concepita, non si sarà più costretti a nascondere dal rullino i media condivisi con tutti i contatti ma, piuttosto, andando chat singola per chat singola, sarà possibile scegliere di nascondere solo i media scambiati con un dato contatto. Il fatto che tale opzione continui ad essere presente nelle successive versioni beta dell’app androidiana è, probabilmente, indice di un suo imminente arrivo in forma stabile, anche sulle altre piattaforme operative (iOS e Win Mobile). 

In tema di gruppi, gli amministratori dei medesimi hanno già ricevuto diverse migliorie nella gestione dei permessi e, ora, come testimoniato dai leaker di WABetaInfo, si apprestano ad ottenerne altre, con l’avvio del roll-out per la versione 2.18.201 di WhatsApp Beta per Android.

Nello specifico, risulta in arrivo la feature (già accennata tempo fa) che permetterà agli admin di scegliere chi potrà inviare messaggi nei gruppi: in tal modo, attraverso l’opzione (“chi può inviare messaggi: Solo gli amministratori / Tutti i partecipanti) collocata nelle impostazioni del gruppo, l’amministratore potrà silenziare gli altri membri onde trasmettere messaggi importanti, bloccare l’invio di messaggi in determinate fasi della giornata (es. la notte), o trasformare i gruppi in equivalenti dei “canali” Telegram (seppur senza il link d’invio per l’ingresso, e con la necessità dell’ammi di avere i numeri telefonici di coloro che vi aderiscono).

Ad oggi, come accennato, la nuova funzionalità per silenziare i membri di un gruppo WhatsApp risulta in distribuzione per la beta riservata ad Android ma, nelle prossime settimane, dovrebbe giungere in pianta stabile anche per le versioni normali di WhatsApp per iOS, Android, e Windows Mobile

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Sui gruppi, WhatsApp ha fatto versamente - nel corso degli ultimi mesi - degli sforzi encomiabili: le chat collettive dell'app in verde, infatti, all'inizio erano piuttosto povere di funzioni, rispetto a quanto offerto da diversi altri competitor e, solo ora, invece, iniziano a non sfigurare. Meglio tardi che mai. Per il resto, trovo molto interessante che si avvicini il momento dell'implementazione stabile della nuova Media Visibility, posto che poter selezionare l'occultamento solo dei contenuti di alcuni contatti (anzicchè di quelli di tutti) è certo molto pratico.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!