Iscriviti

WhatsApp: piccolo restyling attivato, avvicinamento dei pagamenti in-app

Dopo i puntuali avvistamenti recenti, gli utenti di WhatsApp hanno potuto apprezzare il roll-out di una nuova interfaccia per le info di contatto personali e di gruppo: intanto, la funzione dei pagamenti in-app ha fatto segnare un ulteriore passo d'avanzamento

Software e App
Pubblicato il 9 novembre 2021, alle ore 12:19

Mi piace
2
0
WhatsApp: piccolo restyling attivato, avvicinamento dei pagamenti in-app

La celebre applicazione di messaggistica istantanea WhatsApp, secondo quanto appena scoperto, si appresta a consentire prossimamente i pagamenti peer to peer, da utente a utente, in-app tramite il portafoglio crittografico Novi: nel frattempo, i beta tester possono già apprezzare una nuova interfaccia per le informazioni di contatto e di gruppo. 

Come noto, Meta – ex Facebook Inc – è da tempo al lavoro sull’idea di integrare i pagamenti in-app all’interno di WhatsApp: questi ultimi, al momento, sono permessi in India e in Brasile mentre Novi (ex Calibra), il portafoglio digitale di Menlo Park che dovrebbe gestire anche la criptomoneta ideata da Zuckerberg, Diem (ex Libra), è attualmente in test negli USA e in Guatemala, ove può essere usato per gestire le rimesse, gratuitamente e in tempo reale, grazie alla stablecoin Pax Dollar e alla collaborazione di Coinbase. 

Verso la fine di Ottobre, WABetaInfo scoprì, nel codice di WhatsApp, dei riferimenti che lasciavano presagire l’integrazione di Novi direttamente all’interno di WhatsApp: la cosa è stata appena confermata anche dal teardown eseguito da XDA Developers sulla release 2.21.23.10, dal cui esito è emersa una settantina di stringhe di codice che riguarda le transazioni di pagamento e l’integrazione di Novi, coinvolgendo un po’ di tutto, dal pop-up per l’autenticazione via impronta digitale, all’interfaccia grafica, al pop-up per confermare il buon esito di una transazione, compresa la richiesta di verificare la propria identità, via video-selfie, o condivisione (foto o copia) di un valido documento d’identità. 

Ciò, a quanto pare, potrebbe lasciar presagire un non troppo remoto ingresso dei pagamenti P2P di WhatsApp sul territorio statunitense. Nel frattempo, non sono mancati i rilasci funzionali già effettivi. Con la release beta 2.21.13.10 di WhatsApp per Android, era arrivata una nuova interfaccia per le informazioni aziendali che, secondo quanto appurato poi dal codice della versione beta 2.21.21.6 per Android, sarebbe stata conferita anche alle info di contatto personali.

Ciò, col coinvolgimento anche delle informazioni di gruppo, si è appena verificato – per alcuni utenti – con la beta 2.21.23.12 (e, per altri, già dalla 2.21.23.11). Nel caso non si notasse tale implementazione, occorrerà pazientare dacché altre attivazioni via server remoto potrebbero avvenire nei prossimi aggiornamenti. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Piano piano qualcosa si muove sul terreno dei pagamenti in-app di WhatsApp: gli step in tal senso si stanno susseguendo rapidamente. Va comunque notato che le normative di regolamentazione dei pagamenti digitali negli USA non sono le stesse del territorio europeo e, quindi, non è detto che poi l'esordio della novità negli USA possa avvenire, a stretto giro e allo stesso modo, anche dalle nostre parti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!