Iscriviti

WhatsApp: in test le Community e novità per i gruppi

Con un intervento a sorpresa, Mark Zuckerberg, sul suo profilo Facebook ufficiale, ha confermato diverse novità in arrivo per i gruppi e l'imminente test della scheda per le Community: ecco tutte le novità emerse, e le implicazioni per la privacy.

Software e App
Pubblicato il 14 aprile 2022, alle ore 18:27

Mi piace
1
0
WhatsApp: in test le Community e novità per i gruppi

Ascolta questo articolo

In uno scoppiettante pomeriggio di metà Aprile, Meta Inc, la parental company che controlla anche WhatsApp (di recente autorizzato in India a fornire il supporto a WhatsApp Pay a un totale di 100 milioni di utenti) ha annunciato l’ingresso della chat app in verde nella dimensione social (promettendo “funzioni di messaggistica comunitaria anche per Messenger, Facebook e Instagram“) attraverso la scheda Community e il varo di tantissime novità per i gruppi.

Come noto, da tempo WhatsApp stava sviluppando le proprie Community, una sorta di bacheca o gruppo dei gruppi e il momento dell’esordio è venuto, con l’azienda – come riporta Android Central – che, pur non fornendo un timing preciso per l’esordio, ha fatto sapere come nei prossimi mesi, prima di lanciarla a livello globale, procederà a testare la scheda della funzione Community. Per spiegare la nuova forma aggregativa, è stato fatto l’esempio delle scuole, paragonando i gruppi a quelli di studio, delle classi, dello scuolabus, della palestra, con l’amministratore, ad esempio il preside, che potrà riunire tutti i gruppi in un’unica bacheca in modo da poter inviare facilmente avvisi su criticità o cambi di orario

Secondo Meta, non sarà presente un sistema di ricerca delle Community, ma sarà l’admin, cioè chi crea e gestisce queste forme sociali (potendo anche decidere di scollegare alcuni gruppi da una Community) a poter invitare gli utenti che, visti i gruppi inclusi in una Community, potranno decidere a quali intendono aderire e inoltrare una domanda che toccherà agli admin approvare. Saranno solo gli amministratori, inoltre, a poter inviare messaggi, qui chiamati Avvisi, con gli utenti che non potranno solo leggerli ma non commentarli o rispondervi, per “evitare sovraccarichi“. Per scongiurare il propagarsi di forme di disinformazione, inoltre, l’inoltro dei messaggi sarà limitato a un gruppo per volta

Un’altra peculiarità delle Community sarà la privacy. Come le comunicazioni one to one o di gruppo, anche quelle nelle Community saranno protette dalla crittografia end-to-end: in conseguenza di ciò, gli interventi in caso di comportamenti o attività illegali nelle Community, ad esempio per eliminare il macro gruppo o bloccare utenti o amministratori, saranno possibili solo usando info non crittografate, come le segnalazioni degli utenti o il nome e la descrizione della Community. Al pari di come avviene già oggi, i numeri di telefono non saranno visibili a tutti i membri di una community, ma solo agli utenti con cui si condivide l’adesione a uno stesso gruppo.

Nel precisare che con l’arrivo delle Community non cambierà la normale collocazione dei gruppi, ora presenti nella schermata delle chat, Meta ha però promesso migliorie per i gruppi, che saranno loro portate in dote indipendentemente dal fatto che facciano o meno parte di una Community, con un’implementazione che avverrà “anche prima” di quella delle Community. 

In particolare, nei gruppi – nelle prossime settimane – si potrà rispondere a un messaggio con un emoji, evitando così che siano inondati da risposte testuali: rispetto a oggi (100 MB) si sta anche implementando il supporto per la condivisione dei file sino a 2 GB. Gli amministratori sono sul punto di poter cancellare “messaggi problematici dalle chat di tutti“: infine, si sta portando, dall’attuale limite di 8, a 32 il numero delle persone che possono partecipare a una chiamata vocale

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Decisamente, Zuckerberg in questi giorni vuol stupire. Tra le tante novità relative al Metaverso e queste in quota WhatsApp, non ha dato modo di annoiarsi! A questo punto bisogna stare in guardia, perché ogni giorno potrebbe essere quello buono per veder partire il test della scheda delle Community: stesso discorso per le migliorie dei gruppi che, come spiegato, è probabile che arrivino anche prima.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.