Iscriviti

WhatsApp annuncia un nuovo bot per la verifica delle news sul coronavirus

Nelle scorse ore, WhatsApp ha annunciato un nuovo bot di verifica, utile per consentire agli utenti di verificare le notizie che, ricevute in chat, dovessero riguardare il tema del coronavirus: ecco come funziona il nuovo servizio di debunking.

Software e App
Pubblicato il 5 maggio 2020, alle ore 00:45

Mi piace
6
0
WhatsApp annuncia un nuovo bot per la verifica delle news sul coronavirus

WhatsApp, l’app di messaggistica da oltre 1.3 miliardi di utenti mensili, già da tempo, sotto l’egida di Facebook Inc, si è impegnata nel contrastare la disinformazione, in particolar modo in un periodo – come quello attuale – particolarmente delicato anche sotto il profilo informativo: in tal senso, la restrizione dei messaggi frequentemente inoltrati, ora possibile per una sola chat per volta, ha portato a una riduzione del 70% delle condivisioni virali. Menlo Park, però, non si è fermata qui.

Già introdotto il bot dell’OMS (WHO, World Health Organization) per fornire agli utenti un canale dal quale reperire informazioni certificate sull’attuale pandemia in corso, il team di WhatsApp ha implementato un risponditore automatico, AI based, anche per smascherare le bufale in tema coronavirus, con l’Italia che ha beneficiato di tale opportunità grazie al bot “Facta”.

Qualcosa di simile, per ora in lingua inglese, ed in dimensioni più “global”, è stato introdotto, nelle scorse ore, grazie all’International Fact-Checking Network della scuola di giornalismo indipendente Poynter Institute che, sita in Florida, aveva da poco ottenuto da Facebook un contributo di 1 milione di dollari per le sue attività di debunking. Grazie al presente network, è stato sviluppato un nuovo bot di verifica dei contenuti ricevuti dagli utenti, che possono abbinarlo alla chat-app in verde attraverso il sito poy.nu/ifcnbot o aggiungendo alla rubrica telefonica il numero +1 (727) 2912606.

A quel punto, avviando una conversazione col bot in questione, attivato tramite il normale saluto “Hi” (lett. “Ciao”), digitando 1 si otterranno info su particolari parole chiave, ad esempio “mascherine” (masks) mentre, col 2, si otterranno delucidazioni sulle principali dicerie smascherate in tema COVID-19, grazie ad un database di 4.000 bufale attinenti verificate, da inizio anno, grazie alle 80 associazioni di debunking aderenti, in 74 differenti nazioni, all’IFCN.

Inoltre, mediante tale bot, l’utente potrà inviare un’informazione da controllare al verificatore del suo paese di riferimento, identificato mediante il prefisso telefonico nazionale, andando poi a controllare sul sito dello stesso quelle che sono le bufale più popolari, in tema coronavirus, diffuse nella sua area

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Direi che, ormai, tra bot dell'OMS e quello di Facta, noi italiani siam ben coperti a livello informativo sul tema del coronavirus: certo un verificatore di notizie in più, specie se connesso a un database di bufale così ampio, può sempre tornare utile, magari anche per far circolare delle verifiche su qualche panzana che si sia ricevuta in chat.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!