Iscriviti

Twitter inizia a vendere l’accesso agli Spaces: ecco come

Risponde al nome di Ticketed Spaces la funzione che, varata gradualmente da oggi, permetterà agli host di vendere l'accesso ai propri spazi quale ulteriore forma di monetizzazione.

Software e App
Pubblicato il 27 agosto 2021, alle ore 13:32

Mi piace
2
0
Twitter inizia a vendere l’accesso agli Spaces: ecco come

Nonostante la novità che permette di inoltrare un tweet a 20 destinatari in conversazioni singole, la gran parte delle funzioni che di recente stanno vedendo coinvolto il social network Twitter stanno riguardando gli Spaces, le chat audio live nate sulla scia del successo di Clubhouse, per differenziarsi dal quale è finalmente arrivata la possibilità, nota come Ticketed Spaces, di vendere l’accesso agli Space a cui gli utenti tengono di più.

A differenza di Clubhouse, ma anche di Instagram, che permettono agli host di guadagnare vendendo dei badge o accettando delle mance, Twitter ora permette, ad alcuni host (pur non precisando a quanti di preciso) che hanno presentato la domanda a Giugno avendo i requisiti idonei (18 anni d’età, almeno 1.000 follower, 3 Spaces avviato negli ultimi 30 giorni), di poter vendere i biglietti per partecipare a un dato Spazio audio live. 

Nello specifico, l’abilitazione consente all’host di aver piena libertà in merito a due parametri, quello relativo alla quantità dei biglietti che è possibile mettere in vendita (e che tutti possono acquistare, per ora, su iOS), e quello del prezzo degli stessi. L’incasso andrà quasi totalmente agli host, con una piccola percentuale trattenuta da Twitter che, pur non quantificandola, in passato aveva parlato di una quota del 3%, che sarebbe salita al 20% nel caso l’utente, anche con i Super Follow, avesse superato i 50mila dollari di guadagni.

Da segnalare, però, che – siccome Apple trattiene sempre il 30% degli acquisti in-app, nel caso degli host twitteriani questi ultimi ricaveranno “solo” il 67% dalla vendita dei loro Ticked Spaces. 

Dal leaker Nima Owji, invece, arriva la rivelazione secondo la quale Twitter avrebbe tolto, dal suo client web, cioè dalla sua web app, il pulsante relativo alle “Communities”. In tema di rumors, infine, il leaker Alessandro Paluzzi ha scoperto che Twitter sta continuando a lavorare sulla funzione per registrare gli Spaces che, ora, oltre a una riorganizzazione del testo, ha visto sparire la voce “Request to speak” (lett. richiedi di parlare). 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Non c'è dubbio che Twitter stia spingendo davvero moltissimo sugli Spaces, ma non solo: anche la monetizzazione, che in questo caso per una singolare coincidenza riguarda proprio le chat audio live del canarino azzurro, è uno dei settori più battuti ultimamente dalla piattaforma di Jack Dorsey che sta attraversando, com'è facile intuire, una vera e propria trasformazione dopo anni di stasi più o meno completa.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!