Iscriviti

Su YouTube Music si possono aggiungere altre playlist o album completi, mentre Play Music litiga con gli speaker esterni

Google, dopo alcune analisi sul finale del 2018 per la piattaforma YouTube, ha aggiornato YouTube Music ampliando le capacità operative delle sue playlist e, ammesso un bug su Play Music, ha confermato di essere al lavoro per risolverlo.

Software e App
Pubblicato il 8 febbraio 2019, alle ore 11:12

Mi piace
9
0
Su YouTube Music si possono aggiungere altre playlist o album completi, mentre Play Music litiga con gli speaker esterni

Il googleiano YouTube, nelle scorse ore, fornite alcune valutazioni su alcune vicende relative alla sua piattaforma, si è rimesso al lavoro, rilasciando un aggiornamento per YouTube Music, in relazione alla gestione delle playlist di quest’ultima applicazione e, in più, si è avviato a risolvere un problema che affligge (il cugino) Play Music. 

In una recente intervista, il CEO della piattaforma, Susan Wojcicki, ha espresso ancora perplessità sull’articolo 13 della riforma europea del copyright e, allo stesso tempo, ha commentato il disastroso video YouTube Rewind 2018, col quale il network intendeva rievocare l’anno appena trascorso dai membri della sua community, seppur con scarso gradimento (sui 160 milioni di visualizzazioni, i pollici verso sono stati 15 milioni, addirittura più di quelli tributati all’imbarazzante video “Baby” di Justin Bieber). Analizzato il momento attuale della piattaforma, però, sono emerse anche alcune iniziative a favore delle tante app che vi ruotano attorno, come nel caso di YouTube Music.

Lo spin-off di musica on demand di YouTube, con l’arrivo – su Android e iOS (ma non ancora sulla variante web based) – della versione 2.69, ha esteso le potenzialità del comando “Aggiungi a Playlist“: mentre in passato quest’ultimo permetteva di includere a una playlist solo singole canzoni, a una a una nel caso di un numero ampio delle stesse, con l’update appena arrivato sarà possibile l’aggiunta massiva delle tracce musicali, includendo anche interi album ed altre playlist, come quelle degli altri tubers, o le top 100 charts di recente varo. 

Infine, un curioso problema che sembra affliggere il cugino (in via di pensionamento) di YouTube Music, rappresentato da Play Music: tale app, secondo quanto riferisce Android Authority, in alcune parti d’Europa e in India, incorrerebbe in un bug quando si tenta di effettuare il cast di una canzone del 2019 su uno device esterno (es. Lenovo Smart DisplayGoogle Home, e Nvidia Shield).

Il problema, forse legato a qualche problema di licenza dell’app (dacché Spotify non ne sarebbe affetto), ammesso da Google stessa in attesa di un correttivo, può essere comunque aggirato facendo prima partire lo streaming musicale sullo smartphone, e poi direzionando l’uscita musicale verso lo speaker esterno.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - In effetti, va detto che YouTube Music, frutto di una lunghissima gestazioni, è nato assai parco di funzionalità e solo di recente ha preso a integrarne diverse, diventando più completo e competitivo: ora, ad esempio, diventa possibile risparmiare tempo, e organizzare meglio la propria libreria musicale, inglobando interi album e playlist di terze parti. Non male! Play Music, invece, incomincia a "sentire l'età", e mi chiedo se non sia proprio il caso di chiuderlo, passando armi e bagagli al nuovo arrivato.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!