Iscriviti

Google Foto: carrellata sulle ultime novità in rilascio o in test

Nel mentre fervono i preparativi per il varo dei nuovi Pixel 6, anche il software sta impegnando molto Google che, nel caso specifico, ha dedicato non poche attenzioni al miglioramento della piattaforma nota come Google Foto.

Software e App
Pubblicato il 1 settembre 2021, alle ore 14:19

Mi piace
6
0
Google Foto: carrellata sulle ultime novità in rilascio o in test

Una delle piattaforme più riuscite ed apprezzate di Mountain View, nonostante le decisioni entrate in vigore dallo scorso 1° Giugno, è rappresentata senza dubbio da Google Foto che, nelle ultime settimane, ha visto susseguirsi diverse novità, implementate in forma definitiva o sperimentale.

Dopo aver dedicato agli strumenti di markup (per scarabocchiare, apporre testo, o disegnare sulle foto) una scheda ad hoc nel menu di modifica, Google Foto avrebbe avviato un test, del quale per ora si hanno riscontro solo sugli smartphone Pixel (giunti di recente al Pixel 5a), che prevede un miglioramento della funzione Top Shot (Scatto migliore) che, rispetto a quanto avveniva in passato quando si limitava a suggerire di cercare uno scatto migliore, ora fornisce fattivamente una carrellata di istantanee, visivamente simile a quella delle raffiche (o burst), tra cui scegliere quella meglio riuscita.

Come noto, nella parte alta della piattaforma in questione all’interno della sezione Foto, vi sono i “Ricordi“, che permettono di riscoprire piccole perle fotografiche del proprio passato: secondo quanto emerso nella release 5.53.0.38872475, forse a seguito di un aggiornamento da server remoto, nel tab Ricordi le foto ora presentano un ulteriore (oltre a “Impostazioni ricordi”, “Salva ricordo nell’album” e “Visualizza tutte le foto di questo giorno”) pannello, accessibile dall’icona dei 3 puntini sovrapposti. Toccando quest’ultima, in basso a destra, sarà possibile sapere diversi dettagli in più di quel dato scatto, come i setting (es. ISO, esposizione, apertura focale) della fotocamera dello smartphone usato, la risoluzione e il peso della foto, dove è stata scattata, con quest’ultimo dettaglio visibile anche su un’anteprima della mappa apribile in Maps. 

Su Android, la versione più recente dell’app Google Foto ha portato in dote il nuovo widget “I tuoi ricordi”, dall’aspetto arrotondato, in formato (ridimensionabile) 2×2, che cita in basso al centro la data dello scatto visualizzato (prima di lasciar spazio a quello successivo): per accedere a tale widget, ci si può portare sulla Home dello smartphone e, tenendo premuto, tippare sulla voce Widget cercando quello di Google Foto o, tenendo premuta l’icona dell’app nel drawler, visualizzare direttamente il “Widget di Foto”.

Mutuando quanto già in essere nel client per iOS, in quello per Android è comparso nuovamente (annullando sostanzialmente una parte del restyling di Giugno che l’aveva spostato in alto a sinistra per avere, in basso, solo 3 voci) nella barra inferiore, forse limitatamente per un test che ha coinvolto pochi utenti via attivazione da server remoto, il rimando “Condivisione” che, toccato, palesa i “Mi piace” e gli ultimi upload da coloro con i quali ci si è scambiati dei contenuti. 

Anche gli utenti iOS di Google Foto non sono stati trascurati. Il nuovo editor per le foto (con filtri, ritagli, suggerimenti smart, sfocature e regolazioni per i colori) varato a Ottobre su Android, seguito lo scorso Aprile da quello per i video (rotazioni, ritagli, contrasti, filtri, luminosità, etc), stanno facendo capolino anche su iOS

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Ammetto di aver un po' disdegnato Google Foto, ultimamente, visto che non posso più stoccarvi le foto illimitatamente (a meno di non fregare Google mettendo una ROM "pixel experience"). Degoo, a confronto, offre 50 GB e strumenti di organizzazione sempre migliori. Tuttavia, va detto che uno degli elementi più apprezzabili della piattaforma googleiana è il modo di ripescare anche vecchi scatti, e quello che permette il miglioramento e la condivisione di quanto si immortala: le novità poc'anzi rendicontate lo confermano chiaramente.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!