Iscriviti

Coronavirus, ristoranti e musei riaprono il 18 maggio: massima precauzione su spettacoli dal vivo, cinema e musei

Nuove modalità per la riapertura dei ristoranti: i tavolini, soprattutto se all'aperto, dovranno superare i due metri. Riapertura graduale per i musei, mentre la massima attenzione sarà rivolta agli spettacoli, e al cinema.

Politica
Pubblicato il 9 maggio 2020, alle ore 23:24

Mi piace
4
0
Coronavirus, ristoranti e musei riaprono il 18 maggio: massima precauzione su spettacoli dal vivo, cinema e musei

Dal 18 maggio ci saranno dei cambiamenti significativi per la riapertura di alcune attività che sono fondamentali per confrontarsi con le regole della Fase 2. A partire dalla riapertura dei ristoranti, uno dei settori maggiormente colpiti da questa emergenza sanitaria che ha messo in ginocchio numerose eccellenze dell’Italia.

Sono state messe in atto delle modalità per quanto riguarda i ristoranti, come è il caso della distanza che potrebbe andare oltre i due metri, senza dimenticare l’obbligo della mascherina per quel che concerne la necessità di andare in bagno oppure alla cassa. Una situazione più complessa riguarda le spiagge, considerato che viene richiesta una distanza tra gli ombrelloni pari a 3,5 metri.

La massima attenzione ai concerti dal vivo, i teatri e le sale di cinema

Al termine di una riunione, il CTC ha reso noto un verbale, che si concentra sulla scuola, i teatri, i cinema, e la categoria dei braccianti irregolari. L’attenzione maggiore viene posta sui concerti, le sale cinematografiche e i musei: lo stesso discorso vale per i teatri. Si prospetta l’ipotesi della riapertura dal mese di giugno, con necessarie gradualità nel rispetto dei limiti previsti con un numero che dovrebbe essere pari a non oltre il 25% della capienza.

Si sono fatti dei numeri precisi con le differenze tra i teatri al chiuso che possono ospitare un massimo di duecento persone, mentre le strutture all’aperto fino a mille. Ne conseguirà l’obbligo delle mascherine durante i concerti, così come l’obbligo di misurare la temperatura prima dell’ingresso.

Dovrà essere rispettato nelle sale cinematografiche e teatrali il distanziamento di sicurezza: di conseguenza le persone che andranno a vedere uno spettacolo, oppure un film, dovranno stare a un metro di distanza e vi sarà la possibilità di disporre degli igienizzanti. Per quanto riguarda i musei, la data prevista è il 18 maggio, con modalità differenti, con particolare riferimento a quelli capaci di registrare 100 mila visitatori all’anno.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Gaetano Perrotta

Gaetano Perrotta - Da ricordare sempre la parola gradualità che ci fa capire la necessità di non abbassare la guardia. Sicuramente giusta l'idea di pensare alla fine ai concerti che sono il luogo coinvolgente il maggior numero di persone, a differenza dei ristoranti che possono trovare una soluzione anche rispetto alle sale cinematografiche e ai teatri.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!