Le previsioni meteo per l’estate 2018: “Sarà un’estate timida e pigra. Con alti e bassi. Il vero caldo arriva a settembre” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 13 giugno 2018, alle ore 15:58

Le previsioni meteo per l’estate 2018: “Sarà un’estate timida e pigra. Con alti e bassi. Il vero caldo arriva a settembre”

Se hai il terrore di guardare il termometro che segna 30 gradi, devi sapere che quest’anno l’estate sarà più pigra del preciso e sarà veramente calda verso settembre.

Secondo il Centro Europeo, il caldo arriverà in ritardo e non in tutta Italia. Avremo un’estate fresca e anche piovosa sopratutto al Nord Ovest, in Sardegna e in alcune zone della Sicilia. Sarà molto calda, invece, sul Triveneto, sul versante adriatico e al Sud ma ci sarà anche l’anticiclone delle Azzorre ma anch’esso sarà più “timido” del solito.

Le previsioni meteo per l’estate 2018: “Sarà un’estate timida e pigra. Con alti e bassi. Il vero caldo arriva a settembre”

Il vero caldo arriverà in autunno, tra settembre e ottobre dove potremmo lasciare negli armadi ancora per un po’ le giacche a vento e le felpe. Il caldo potrebbe proseguire fino all’inverno 2018 – 2019.

Cosa dite, meglio rimandare le vacanze all’autunno?

Il fondatore del Ilmeteo.it ha spiegato: “Sarà un’estate a singhiozzo, con l’Anticiclone delle Azzorre che risulterà sempre molto pigro, timido. Si dimostrerà fresca e piovosa al Nordovest e sulla Sardegna e a tratti sulla Sicilia, più calda del normale sul Triveneto, regioni adriatiche e al Sud. Ovviamente saranno

Le previsioni meteo per l’estate 2018: “Sarà un’estate timida e pigra. Con alti e bassi. Il vero caldo arriva a settembre”

possibili alcune fiammate africane, sempre più normali sul Mediterraneo. Ma il vero caldo potrebbe arrivare più avanti, a Settembre e ad Ottobre. Non solo tarderà ad arrivare ma questa estate 2018 sarà intervallata da bombe d’acqua e temperature tutt’altro che nella norma”.

Quindi, che estate dovremmo aspettarci?Dopo un inverno rigido e una primavera strana, che estate ci aspetta?

“È un periodo questo in cui abbiamo alcuni giorni piuttosto caldi con l’espansione dell’alta pressione africana, seguiti da perturbazioni atlantiche, quindi più fresche, che portano, però, a temporali che possono essere anche forti. L’aria calda e l’aria fredda si scontrano e generano temporali, soprattutto nel