Ecco cos’ha imparato Fabrizio Frizzi grazie all’ischemia che lo ha colpito (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 24 gennaio 2018, alle ore 14:04

Ecco cos’ha imparato Fabrizio Frizzi grazie all’ischemia che lo ha colpito

L’amatissimo conduttore TV Fabrizio Frizzi è stato intervistato per la prima volta in seguito ai gravi problemi di salute che ha dovuto affrontare negli ultimi mesi.

Il peggio è passato per Fabrizio ma la battaglia che sta portando avanti con forza non è ancora conclusa: <<Ho la forza di un leone e di certo non mi arrenderò>> così ha rasserenato i fan preoccupati. Lo scorso Ottobre è stato vittima di un’ischemia e da allora c’è stata molta riservatezza sulle sue condizioni di salute, ma finalmente adesso si è aperto al suo pubblico attraverso un’intervista rilasciata a “Tv, Sorrisi e Canzoni”.

Ecco cos’ha imparato Fabrizio Frizzi grazie all’ischemia che lo ha colpito

Il conduttore de “L’Eredità”, con tono sereno, ha spiegato come prima cosa <<Sono fortunato. Sto in piedi, parlo e posso continuare a fare bene il mio lavoro di presentatore >>. Ed infatti ha già ripreso a dirigere con il solito entusiasmo il famoso game show su RaiUno.

Sebbene non si sia ancora ripreso al 100% dal forte trauma subito, Frizzi appare sereno, consapevole del fatto che  <<la vita va goduta perchè non si sa cosa succederà domani>>. Questo è il primo messaggio che ha voluto lanciare dopo quest’episodio sfortunato. 

Ecco cos’ha imparato Fabrizio Frizzi grazie all’ischemia che lo ha colpito

Continua quindi la coraggiosa battaglia per tornare ad una condizione di completa normalità, a distanza ormai di 3 mesi da quel tragico 23 Ottobre durante il quale è stato ricoverato.

Raccontando di quel giorno, ha spiegato che per alcuni versi lo ritiene un episodio speciale e fortunato: è accaduto mentre era assieme a molte persone che sono prontamente intervenute chiamando d’urgenza i soccorsi. Fosse stato da solo la situazione sarebbe facilmente degenerata. Per fortuna invece stava lavorando e si trovava in uno studio televisivo.