Iscriviti

ZTE Blade V30 e Blade V30 Vita: ufficiali i medio-gamma con maxi batteria e Android 11

Dalla Cina arriva l'annuncio, in quota ZTE, di due nuovi smartphone di fascia media, che portano a un nuovo livello la gamma Blade, ora avente come portabandiera i nuovi Blade V30 e V30 Vita, animati dal sistema operativo Android 11.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 17 luglio 2021, alle ore 10:51

Mi piace
6
0
ZTE Blade V30 e Blade V30 Vita: ufficiali i medio-gamma con maxi batteria e Android 11

ZTE, brand cinese che ha rivoluzionato il segmento mobile col primo smartphone al mondo dotato di selfiecamera nascosta sotto il display, dopo essersi dedicato ai device anche low cost, ha completato – per ora in Messico – il suo giro occupandosi della fascia media, con la nuova serie di telefoni evoluti Blade V30, animati da Android 11 sotto l’interfaccia proprietaria MiFavor UI.

Ancorché uniti dall’appartenenza alla stessa serie, ZTE Blade V30 (black, blue, 165,8 x 77,8 x 8,9 mm per 193 grammi) e V30 Vita (black, blue, green, 173 x 78.1 x 8.9 mm per 210 grammi) sono profondamente differenti, seppur presentino qualche punto in comune. Il normale Blade V30 vanta un foro per la selfiecamera, da 16 megapixel, nel display, un pannello panoramico (20:9) FullHD+ da 6.67 pollici mentre il Blade V30 Vita opta per un notch a goccia quale sede per la selfiecamera, da 8 megapixel, col resto dello spazio che viene erogato a un display più grande, da 6.82 pollici, ma meno risoluto, HD+, con conseguente valore inferiore anche in tema di densità di pixel per inch (PPI).

In ambedue i casi, lo scanner per le impronte digitali è stato posto sul frame laterale. Il retro rappresenta un’altra grande differenza tra i due modelli. ZTE Blade V30 (venduto a 6.199 pesos, 294 euro) schiera, nel suo bumper rettangolare, una quadcamera a “forchettone” (uguale a quello dell’Axon 30 Ultra), con un sensore principale da 64 (f/1.8), uno ultragrandangolare (120°) da 8, uno per le macro (a 3 cm) da 5, ed uno per la profondità, da 2 megapixel.

Nel caso del Blade V30 Vita (5.099 pesos, 217 euro) il bumper rettangolare accoglie una triplice fotocamera, a L rovesciata col Flash LED, in cui i confermati sensori da 5 (ultragrandangolo a 120°) e 2 (profondità) operano in supporto di un sensore principale, da 48 (f/1.8) megapixel.

Sul versante elaborativo, ZTE Blade V30 si avvale di un processore octacore (2.0 GHz) Unisoc Tiger T618 con GPU Mali-G57 MC2, supportandoli con 4 GB di RAM (LPDDR4X ) e con 128 GB di storage espandibile a 512 GB via microSD, come nel Blade V30 Vita che, però, pone solo 3 GB di RAM in supporto di un imprecisato processore octacore da 1.6 GHz di clock frequency. Nei nuovi ZTE Blade V30 è di stanza una batteria da 5.000 mAh di capienza che, però, solo nel modello standard conserva la carica rapida, via microUSB 2.0 Type-C, a 18W. Chiudono la scheda tecnica dei due device le connettività Dual SIM con 4G VoLTE, il GPS, il Wi-Fi ac, il mini-jack da 3.5 mm ed il Bluetooth 5.0 (A2DP). 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Fotograficamente, i due nuovi ZTE non sono male: un po' stupisce il fatto che il modello con la diagonale maggiore abbia la risoluzione peggiore: il ricorso al processore Unisoc sarà dettato dalla penuria di chip Mediatek? Secondo alcuni benchmark avrebbe prestazioni paragonabili a quelle di un Helio G80 ma, ovviamente, il tutto andrà verificato sul campo dove, quasi sicuramente, si potrà beneficiare di un'autonomia molto buona.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!