Iscriviti

Ulefone Armor 3W e 3WT: sempre rugged e iper autonomi, ma con più potenza

Ulefone, specialista in battery phone, declina nuovamente il principio di smartphone iper autonomo con quello di device corazzato, sfornando i nuovi medio-gamma Ulefone 3W e 3WT (con sistema per il walkie-talking), animati da Android Pie 9.0.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 10 settembre 2019, alle ore 00:08

Mi piace
8
0
Ulefone Armor 3W e 3WT: sempre rugged e iper autonomi, ma con più potenza

A quasi un anno di distanza dal varo dei predecessori, Ulefone Armor 3 e 3T, l’omonimo brand cinese, nel cui listino abbondano abitualmente i battery phone (es. P6000 Plus), ha pre-annunciato l’imminente arrivo (con prezzi ancora ignoti) dei conseguenti e successori Ulefone Armor 3W e 3WT.

I nuovi rugged phone asiatici mantengono la forma esagonale longilinea, atta a contenere i danni delle cadute, comunque ben fronteggiate grazie alla certificazione MIL-STD-810G, ma svecchiano le linee e rinfrescano i colori: impermeabili, come testimoniato dalle certificazioni IP68/69K, gli Ulefone Armor 3W e 3WT (quest’ultimo con sistema walkie-talkie per comunicare off-line con dispositivi compatibili nelle zone in cui non c’è segnale) mostrano gran parte delle novità sotto il cofano, a livello computazionale.

Qui, sotto un vetro Gorilla Glass 5 messo a protezione del display, un LCD da 5.7 pollici FullHD+ con 18:9 di aspetto panoramico, e speaker stereo frontali amplificati intelligentemente, alcune i punti fermi, soggetti a conferma, non sono mancati. 

La selfiecamera, da 8 megapixel, supporta l’autenticazione via riconoscimento facciale, abbinata allo scanner per le impronte, laddove – sul retro – campeggia una monocamera Sony da 21 megapixel, con Flash dual LED.

La batteria, da 10.300 mAh, gode della ricarica inversa (a beneficio di altri device) e rapida (9V/2A) via Type-C (con OTG) grazie alla seconda generazione dello standard MediaTek PumpExpress, mentre – in termini connettiviti – è da registrare la presenza del GPS (GPS / Glonass / BeiDou), del Dual SIM con 4G VoLTE abilitato su ambedue le schedine (con frequenze globali), e di un modulo NFC per Google Pay.

Android Pie 9.0, tuttavia, risulta molto più velocizzato grazie all’arrivo del processore octacore Helio P70 messo in coppia con una GPU Arm Mali-G72 MP3 e con un co-processore per l’AI migliorato del 30/60% rispetto al passato. Il tutto, naturalmente, abbinato a più RAM, con un banco da 6 in luogo dei precedenti 4 GB, ed uno storage da 64 GB.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Trovo davvero intelligente l'idea di fare dei telefoni col walkie-talkie: in condizioni di calamità naturali, quando tutte le linee cadono o sono congestionate, una soluzione del genere può essere l'unica per non rimanere isolati. A parte questo, tra i due device oggetto dell'articolo, anche il modello "standard" si presenta bene, stante il boost prestazionale ottenuto con il nuovo processore, beneficiato da un bel po' di RAM in più.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!