Iscriviti

Sony Xperia 5: a IFA 2019 arriva il top gamma multimediale compatto

Tra i vari prodotti portati da Sony a IFA 2019, non poteva mancare uno smartphone top, rappresentato dall'Xperia 5 che, rispetto all'immediato passato, grazie alle dimensioni più contenute, si candida ad essere una vera e propria consolle tascabile.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 6 settembre 2019, alle ore 01:07

Mi piace
5
0
Sony Xperia 5: a IFA 2019 arriva il top gamma multimediale compatto

Con l’inizio ufficiale di IFA 2019 fissato per la giornata di venerdì 6 Settembre, sono sempre di meno i colossi hi-tech che mancano all’appello, nella grande sfida che prevede il ricorso alla fiera berlinese per proporre gli ultimi colpi a sensazione previsti per questo finale di 2019.

Anche Sony, infatti, non ha resistito alla tentazione di anticipare l’avvio dei lavori in terra germanica, col suo nuovo top gamma, ristretto in forma di Sony Xperia 5, ormai pienamente ufficializzato con dovizia di particolari (ma non dei prezzi). 

Sony Xperia 5: ristretto, ma non depotenziato

Sony Xperia 5 (158 x 68 x 8.2 mm per 164 grammi) continua idealmente sul solco già tracciato dal predecessore Xperia 1, senza abbandonare il design tipico degli smartphone del colosso nipponico, o cedere alla tentazione di notch e tacche varie: il tal senso, il feel touch, anche visivo, che si ha davanti alla resistente (Gorilla Glass 6 frontale e posteriore) ed impermeabile (IP65/68) scocca di questo modello, desta una piacevole sensazione di déjà-vu.

Il display OLED, compreso tra due cornici piuttosto evidenti, pur rimpicciolito a 6.1 pollici, è sempre un CinemaWide, con le dovute conseguenze in termini di aspetto panoramico a 21:9, eccellente copertura del colore (DCI-P3 al 100%), e supporto all’HDR. Anche l’audio è da “salotto”, grazie al codec HD aptX garantito da Qualcomm nel Bluetooth, agli speaker stereofonici con Dolby Atmos, ed a una feature che, scattata una foto dell’orecchio, calibra l’emissione sonora su misura.

Considerando anche il supporto ai controller Dual Shock 4, e l’innesto di una modalità “Game Enhancer” per pompare le prestazioni e registrare con facilità le sessioni di gioco, è facile pensare ad una compattezza studiata ad arte per farne una consolle portable, palmare.

Trattandosi di uno smartphone con vocazione multimediale, le fotocamere in dotazione risultano bene ottimizzate. La selfiecamera centrale monta un sensore da 8 megapixel (f/2.0), con supporto all’HDR e stabilizzazione anti-sfocatura SteadyShot mentre, sul retro, come nell’Xperia 1, è presente (senza sorpresa: verticalmente a sinistra) una triplice fotocamera formata da tre sensori ognuno dei quali vanta 12 megapixel, settati secondo il classico schema standard (f/1.6) + grandangolo (130°, f/2.4) + teleobiettivo (2x, f/2.4).

Rispetto alla gran parte della concorrenza, però, tale il terzetto in questione, settabile in ogni dettaglio onde coltivare le proprie ambizioni da filmaker (via app preinstallata CineAlta), stabilizza i video, ripresi anche in 4K@60fps, sia otticamente che elettronicamente, mette a fuoco i soggetti attraverso l’eye tracking, e risulta in grado di ottenere slow motion Super, tanto nel nome quanto nei fatti (FullHD a 960fps).

Passando all’esperienza elaborativa, l’adozione dello Snapdragon 855 abbinato a 6 GB di RAM, in un assetto mnemonico che porta con sé anche 128 GB di storage (espandibili di altri 512 GB), risulta al top e senza compromessi, mettendo da parte la preoccupazione di rimanere a secco d’energia, stante la proverbiale ottimizzazione Stamina in appoggio alla batteria che, con i suoi 3.140mAh a carica rapida, si adegua al ridimensionamento del display, ipso facto ritenuto meno energivoro.

Anche le connessioni, oltre alla sicurezza (contemplata tramite l’abituale scanner laterale), non sono lasciate al caso, visto che prevedono il Dual SIM con 4G LTE (di tipo Gigabit, grazie al modem LTE X24, e con stabilità ottenuta in dote dalle strategiche antenne 4×4 Mimo), il Bluetooth 5.0, la doppia banda in appoggio al Wi-Fi ac, un GPS con Glonass, il modulo per i pagamenti contactless (via NFC) e, come porta microUSB, una più moderna Type-C.

L’unico neo dell’Xperia 5 di Sony, animato da Android Pie 9.0, sembra essere relativo al versante della distribuzione: per accaparrarsi il device, previsto in 4 tonalità (blu, grigio, nero, rosso), si dovrà attendere sino ad Ottobre ma, in compenso, sarà possibile ingannare l’attesa con i preordini i quali, una volta attivati (nella prossima settimana), permetteranno di prenotare il Sony Xperia 5 portandosi a casa gratuitamente anche un paio di pregiate cuffie true wireless WF-1000XM3, con cancellazione del rumore.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Devo ammettere che questo top gamma, come pure il precedente Xperia 1, mi incuriosisce molto: più che per la potenza, per l'aspetto multimediale, derivato dalle TV e dalle fotocamere del colosso asiatico. Se, poi, iniziano ad arrivare anche le attenzioni in ottica gaming, dal dipartimento Play Station, ne vedremo delle belle. Tutto positivo, dunque? No: passi per la batteria, se bene ottimizzata, ma 128 GB di storage, con quello che si può girare in 4K, ed i giochi corposi dei tempi attuali, mi sembrano pochi di default, pur espandibili.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!