Iscriviti

Sharp Aquos Zero 2: il primo top gamma al mondo con display gaming da 240 Hz

L'impressionante risultato vantato da Sharp, frutto di un sapiente lavorio software, eleva il display dell'imminente Aquos Zero 2, già tra i top gamma più leggeri al mondo, al rango di preferito dai gamers: eccone le specifiche emerse in sede di presentazione.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 25 settembre 2019, alle ore 14:00

Mi piace
5
0
Sharp Aquos Zero 2: il primo top gamma al mondo con display gaming da 240 Hz

Era solo l’inizio di quest’anno quando, in pieno clima da CES 2019 di Las Vegas, la giapponese Sharp annunciava il top gamma da 6 pollici più leggero al mondo: praticamente a un anno di distanza, visto che verrà commercializzato tra qualche mese, magari verso Dicembre, il colosso nipponico ne ha ufficializzato il successore, Sharp Aquos Zero 2, sempre leggerissimo, ma pluri-ambito anche dai giocatori.

Il nuovo Aquos Zero 2 continua la dieta, con un peso di soli 143 grammi per il suo chassis (158 x 74 x 8.8 mm) formato da due placche di vetro, debitamente rese immuni a polveri e contatto con l’acqua (grazie alle varie certificazioni IPX5/IP6X/IPX8).

Il frontale dello Sharp Aquos Zero 2 somiglia vagamente ai Galaxy di qualche tempo fa, con un pannello in stile dual edge, leggermente curvo ai lati (2.5D), onde mimetizzare le cornici verticali, poste per incanalare il display. Quest’ultimo, comprensivo di uno scanner biometrico sottostante, è formato da un pannello AMOLED da 6.4 pollici, con risoluzione FullHD+ che, grazie ad un’interpolazione software, in ottica gaming, riesce a scalare dai 120 Hz di frequenza base (usata anche dall’Asus Rog Phone 2) a ben 240 Hz, ottenendo una responsitivà al tocco nettamente (80%) superiore rispetto alle soluzioni più quotate presenti sul mercato. Più in ottica da fruizione video, invece, va ascritto il supporto all’HDR10 ed al Dolby Vision.

La selfiecamera, con Face Unlock, arriva ad 8 megapixel, ma è il retro, allestito nelle colorazioni Misty White o Astro Black, a destare maggior approvazione, stante la simmetrica collocazione al centro, sopra il logo Sharp prima e il Flash LED in seguito, di una doppia fotocamera, da 12.2 (f/1.7, stabilizzazione ibrida ottica ed elettronica, messa a fuoco a doppio pixel) + 21.1 (f/2.4, ultragrandangolo da 125°). Lato audio, gli speaker stereo risultano capaci di un suono Hi-Res.

Da top gamma, nello Sharp Aquos Zero 2 è anche il setting elaborativo, con l’octacore Snapdragon 855 e la GPU Adreno 640 che fanno conto su 8 GB di RAM (LPDDR4x) e su 256 GB di storage (UFS 3.0), mentre l’array delle connettività risulta sia completo (presente anche l’NFC) che aggiornato, col Dual SIM beneficiato del 4G VoLTE, la doppia banda per il Wi-Fi ac, il Bluetooth 5.0, il GPS (A-GPS/Glonass), e la microUSB Type-C per caricare rapidamente la batteria da 3.130 mAh.

Ciliegina sulla torta, nel quadro generale tratteggiato da Sharp col suo imminente Aquos Zero 2, il software, con la scelta del sistema operativo ricaduta su Android 10, seppur dietro un’interfaccia proprietaria.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Di Sharp, purtroppo, se ne parla poco in Occidente, quanto a telefonia mobile, ed è un peccato: tutti gli Sharp, sin dall'iniziale Crystal, presentato al MWC 2015 in qualità di primo smartphone bezel-less, hanno sempre innovato non poco il settore. Certo, se nemmeno l'Aquos Zero 2 dovesse vedersi da queste parti, saranno sempre gli altri a beneficiare del know how sviluppato da questo storico marchio dell'elettronica.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!