Iscriviti

Poco M3 Pro: ufficiale il medio-gamma con refresh rate dinamico e 5G

Nel corso di un evento streaming denso d'informazioni ma non prolisso, Pocophone di Xiaomi ha annunciato un nuovo smartphone di fascia medio-alta, il Poco M3 Pro, chiamato a democratizzare ulteriormente il 5G senza troppi compromessi.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 19 maggio 2021, alle ore 15:26

Mi piace
6
0
Poco M3 Pro: ufficiale il medio-gamma con refresh rate dinamico e 5G

Dopo il varo del Poco X3 Pro, lo spin-off low cost di Xiaomi torna a propugnare la diffusione del 5G senza compromessi, attraverso l’appena presentato Poco M3 Pro, evoluzione del Poco M3 dello scorso Novembre, rispetto al quale appare migliorato come display, fotocamere, processore, versatilità ed autonomia.

Poco M3 Pro (161,81 x 75,34 x 8,92 mm, per 190 grammi), ideato nelle nuance Power  Black, Cool Blue e Poco Yellow, propone nel lato corto alto il mini jack da 3.5 mm e l’emettitore di infrarossi: esteticamente, abbandona il waterdrop per il foro, Dot, al centro del display. Quest’ultimo, protetto da un vetro Gorilla Glass 3, è un pannello LCD IPS da 6.5 pollici, decisamente luminoso (da 400 nits sino a punte di 500) ma non stancante per gli occhi (Reading Mode 3.0, sensore di luminosità ambientale a 360°), risoluto in FullHD+ e con un refresh rate dinamico (DynamicSwitch), auto.settabile secondo gli step da 30 (video playing), 50 (immagini statiche), 60 (streaming video), 90 (gaming) Hz in base al contenuto riprodotto. 

La selfiecamera arriva ad 8 megapixel (f/2.0, face unlock). Il suggestivo retro propone due sezioni cromatiche l’una nell’altra, con quella più piccola, dalla quale sembrano irradiarsi diversi riflessi, che fa da perimetro per una triplice fotocamera, da 48 (principale, f/1.79, pixel binning 4-in-1 per foto da 12 megapixel con pixel portati a 1.6 micron, modalità notturna, video creativi via slow motion e time lapse), 2 (f/2.4, macro mode), e 2 (f/2.4, profondità) megapixel. 

Il processore octacore MediaTek Dimensity 700, realizzato a 7 nanometri, il display dinamico poc’anzi visto, e la batteria, da 5.000 mAh, caricabile rapidamente a 18W (sebbene il caricatore incluso arrivi a 22.5W) via microUSB Type-C, garantiscono più di 2 giorni di autonomia in uso medio, ovvero 178 ore di musica, 22 di streaming, 16 di gaming. Le memorie di bordo prevedono RAM LPDDR4x e storage UFS 2.2 espandibile con funzionalità write booster: al momento dell’acquisto, l’utente potrà scegliere tra gli allestimenti da 4+64 (in promo a 159.90 sino al 26 Maggio, poi a 199,90 euro) e 6+128 GB a 199.90 sino al 26 Maggio, poi a 229,90 euro). 

Corredato del Dual SIM con anche il 4G, grazie al summenzionato processore, giunge in dote il 5G (dual stand-by) su ambedue le schedine: ancora in ambito connettività, spicca il GPS, il Bluetooth 5.1, il Wi-Fi ac, e l’NFC per i pagamenti a sfioramento, l’apertura delle serrature, il trasferimento dati e molto altro. Protetto da uno scanner per le impronte laterali, sito di lato, Poco M3 Pro è animato dall’interfaccia MIUI 12 for POCO, chiamata a rivestire Android 11

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Devo dire che la presentazione del Poco M3 Pro mi ha convinto: per ottenere una buona autonomia son state fatte scelte intelligenti, che preservano qualità visiva e potenza elaborativa. Le memorie sembrano essere di buona velocità, ed il device si avvale anche dell'emettitore di infrarossi e del jack da 3.5 mm: ovviamente è un device 5G. Peccato per questa crescente passione verso il mondo delle macro: avrei preferito un ultragrandangolo. Le colorazioni scelte alla fine del processo di selezione, onestamente, appaiono un po' scontate, rispetto a quelle scartate.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!