Iscriviti

OnePlus 7T: ufficiale con Android 10 e suggestiva tripla postcamera circolare

In un auditorum affollato come non mai, il CEO e co-fondatore Pete Lau, assieme al team di OnePlus, ha presentato il nuovo top gamma, rivoluzionato nella potenza, ma anche (parzialmente) nel design.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 26 settembre 2019, alle ore 17:37

Mi piace
7
0
OnePlus 7T: ufficiale con Android 10 e suggestiva tripla postcamera circolare

Preceduto da una lunga sequela di rumors, tipica quando si tratta dell’arrivo di un top di gamma, alla Indira Gandhi Arena di Nuova Delhi, è stato appena ufficializzato il nuovo flagship che BBK Electronics ha dedicato al suo brand principe, col varo – a partire dall’India – del nuovo OnePlus 7T.

Erede dei pur recenti modelli del Maggio scorso, il nuovo OnePlus 7T (160.94 x 74.44 x 8.13 mm, per 190 grammi), presenta una scocca sul retro in 3D Corning Gorilla Glass 5, con un frame laterale di giunzione in alluminio: le colorazioni previste per l’esordio sul mercato sono Frosted Silver e Glacier Blue, ambedue con finiture satinate opache.

Il display dell’OnePlus 7T è un panoramico (20:9) e luminosissimo (1.000 nits massimi) Fluid AMOLED da 6.55 pollici, con risoluzione da 2.400 x 1.080 pixel e supporto all’HDR10+ per una gratificante fruizione di Netflix, mentre gli appassionati di gaming beneficeranno del refresh rate a 90 Hz, e di un tempo di risposta pari a 40 ms.

Grazie alla Chrome Reading mode, che vira il pannello sul monocromatico, viene ridotto l’affaticamento degli occhi mentre si leggono gli e-book. In ottica sicurezza, è presente un perfezionato scanner biometrico sottostante.

Inclusa in un notch a goccia (di tipo V), la selfiecamera (anche) per il Face Unlock arriva a 16 megapixel (f/2.0, con obiettivo da 25 mm, e pixel grandi 1.0 micron), e applica automaticamente l’HDR alle foto, realizzando video (stabilizzati elettronicamente) a 1080p@30fps.

Maggiori novità nell’OnePlus 7T, rispetto alla passata edizione, emergono con la tripla postcamera che assume la forma di un cerchio (in stile Mate 30 Pro) perfettamente in linea con lo chassis, beneficiando di funzionalità quali le foto notturne (Nightscape, anche sul sensore ultra-wide), la modalità Ultra Shot, le foto in auto HDR, e la facoltà di girare Super Slow-Motion da 720p@960fps, oltre ai video da 2.160p (a 30 o 60 fps) e 1.080p (a 30, 60 o financo 240 fps) stabilizzati elettronicamente via giroscopio. 

Design a parte, nella multicamera circolare dell’OnePlus 7T sono presenti, allineati orizzontalmente sopra il Flash LED, un sensore principale da 48 megapixel (Sony IMX586, f/1.6, pixel binning da 0.8 a 1.6 micron, stabilizzazione ottica ed elettronica, messa a fuoco fasica), uno ultragrandangolare (117°) da 16 megapixel (f/2.2), ed uno telescopico da 12 megapixel (f/2.2, pixel grandi 1.0 micron), con zoom 2x (ideale per macro da 2.5 cm). 

Degno completamento di ogni top gamma multimediale, gli OnePlus 7T e 7T Pro sfoggiano speaker stereo (quando in orizzontale), con l’avallo del Dolby Atmos mentre, in fase di gaming, anche il nuovo motore aptico vibrazionale offre un contributivo in fatto di coinvolgimento.

Passando alla sezione computazionale, quest’ultima, nello specifico, è affidata all’overcloccato octacore (2.96 GHz) Snapdragon 855+, affiancato dalla GPU Adreno 640, con la RAM (LPDDR4X) tarata a 8 GB. Lo storage (UFS 3.0) comprende una pezzatura massima da 256 GB ed una minima da 128 GB (forse l’unica per l’Occidente). 

Irrinunciabile l’NFC, per assicurare (dal prossimo anno) l’inedito pagamento a sfioramento OnePlus Pay, il set di connettività del neo presentato OnePlus 7T, Dual SIM con 4G, contempla il Wi-Fi ac dual band (hotspot, direct, DLNA), il Bluetooth 5.0 LE (A2DP e aptX HD a supporto delle cuffie wireless di ultima generazione), un jack da 3.5 mm con Radio FM, e un GPS reso ben preciso da varie reti satellitari (A-GPS, BDS, Galileo, Glonass).

A supportare energeticamente il nuovo OnePlus 7T interviene una batteria da 3.800 mAh ricaricata – tramite porte microUSB Type-C 3.1 (con reversible connector) – del 23% più velocemente nel predecessore, grazie al nuovo Warp Charge 30T (5V/6A), mentre il sistema operativo è già Android 10 (open beta), ovviamente sotto l’interfaccia proprietaria OxygenOS 10 (con galleria smart capace di categorizzare – grazie alla AI locale – le foto in base alle persone riconosciute, un anno di storage gratis da 50 GB su OnePlus Cloud Storage, gestione smart delle notifiche importanti per il lavoro o la vita personale).

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Grosso modo, non vi sono state sorprese in merito a questo top gamma che, in molti tra coloro che hanno seguito l'evento, hanno definito un mero upgrade del precedente 7 Pro. Tuttavia, a parte questo, i miglioramenti in ogni comparto sono stati notevoli, in particolar modo nel settore multimediale, vero punto debole degli ottimi OnePlus.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!