Iscriviti

Moto Razr 2019: ufficiale lo smartphone pieghevole di Lenovo con fascino vintage

La tarda serata americana del 13 Novembre e le prime luci italiane del 14 hanno riservato una gustosa sorpresa hi-tech, con Lenovo che ha appena presentato il nuovo smartphone a conchiglia Moto Razr 2019, con doppio display e cerniera quasi invisibile.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 14 novembre 2019, alle ore 08:27

Mi piace
5
0
Moto Razr 2019: ufficiale lo smartphone pieghevole di Lenovo con fascino vintage

Nel corso di un evento da poco conclusosi a Los Angeles (ove mancavano poche ore alla mezzanotte), Lenovo ha appena presentato, traendolo dai ghiacci del tempo, il nuovo Motorola Razr 2019 che, rispetto al modello di telefono a conchiglia di 15 anni fa, è un moderno smartphone foldable, degno avversario dello Huawei Mate X e del Samsung Galaxy Fold.

Moto Razr 2019, realizzato in color nero con uno chassis soggetto a trattamento idrorepellente (nanocoating) ma non certificato IP, dal punto di vista tecnico, è uno smartphone di fascia media: al suo interno, opera l’octacore Qualcomm Snapdragon 710 assieme alla GPU Adreno 516, con la RAM settata a 6 GB, e lo storage a 128. Il poco spazio disponibile rende necessario utilizzare una eSIM e, soprattutto, compattare la batteria, da 2.510 mAh, per fortuna capace di una carica rapida (TurboPower da 15W) mediante la porta microUSB 3.0 Type-C posta sul lato corto basso, ove manca il jack da 3.5 mm (in confezione, comunque, vi è un paio di auricolari, ottimizzati da Denon Audio, con attacco Type-C).

Trattandosi di uno smartphone più che completo, non mancano – nel Razr 2019 di Motorola – il modulo NFC per i pagamenti contactless (con Google Pay), il GPS (Glonass, A-GPS, SUPL/TEPP), il 4G/LTE (con banda 20), il Bluetooth 5.0 ed il Wi-Fi ac dual band (hotspot).

A destra sono presenti il bilanciere del volume, ed un texturizzato pulsante d’accensione. Quando chiuso (72 x 94 x 14 mm, per 205 grammi), il Moto Razr 2019 si avvale del display esterno, un pannellino gOLED da 2.7 pollici, risoluto a 600 x 800 pixel, con formato a 4:3 che, in quanto “Quick View“, mostra le notifiche in arrivo, fa da mirino per la fotocamera principale sottostante (Sony IMX 519 da 16 megapixel, f/1.7, con stabilizzazione elettronica, autofocus laser e dual pixel, modalità night vision per le foto notturne, e Flash Dual tone), mostra lo stato della carica, l’ora e la data, le scorciatoie per messaggi e Assistant, e palesa i controlli rapidi per il player musicale.

Una volta aperto (72 x 172 x 6.9 mm), Moto Razr 2019 estende – attraverso una cerniera centrale ben ottimizzata – il display principale “Flex View“, un pannello pOLED da 6.18 pollici, risoluto a 2.142 x 876 pixel, con aspetto panoramico 21.5:9 quasi da Xperia 1 di Sony, sul quale (o viceversa) possono continuare le attività già in corso sul monitorino esterno, grazie alle particolari ottimizzazioni concesse ad Android Pie che, oltretutto, beneficia anche delle tradizionali gesture Motorola. Al di sopra del menzionato display interno flessibile che, allo scopo fa anche da soft flash, in una tacca è ubicata (assieme allo speaker) la selfiecamera con Face Unlock, da 5 megapixel (f/2.2), mentre nella “gobba” in basso è posizionato il pulsante fisico Home, con annesso scanner per le impronte digitali.

Moto Razr 2019, destinato ad esordire nel mercato USA (grazie a Verizon), ove sarà affiancato da cover di pregio (es. di Kate Spade), sarà disponibile in pre-ordine dal 26 Dicembre prossimo, al prezzo di 1.499 dollari, con le spedizioni calendarizzate dal successivo 9 Gennaio 2020.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Caspita se si è fatto attendere il Moto Razr 2019. Partiamo dal prezzo, impressionante se lo si considera solo un medio-gamma: con uno sguardo di più ampio respiro, però, è possibile constatare come, ad oggi, il presente device sia certamente meglio ottimizzato dei rivali di Samsung e Huawei, e con un fascino vintage che il promettente Royale FlexPai certo non può mettere in campo. Nel complesso, quindi, almeno sulla carta, promosso!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!