Iscriviti

Google Home Mini e Maxi: ecco i portabandiera della casa intelligente secondo Google

Non solo smartphone, nel corso dell'evento che Google ha dedicato ai suoi nuovi Pixel 2. L'azienda della grande G ha presentato anche tanti accessori per la casa intelligente in salsa domotica: arrivano due nuovi Google Home, e 6 accessori NEST.

Hi-Tech
Pubblicato il 4 ottobre 2017, alle ore 22:08

Mi piace
9
0
Google Home Mini e Maxi: ecco i portabandiera della casa intelligente secondo Google

Alle 18 ore italiane, in quel di San Francisco, Sundar Pichai CEO di Google con un lungo background nello sviluppo di Chrome OS – ha inaugurato l’evento con il quale la sua azienda ha presentato al mondo i nuovi ed attesi smartphone Pixel 2, standard ed XL. La presentazione iniziale, tuttavia, si è aperta con una lunga disquisizione su come l’intelligenza artificiale impregnerà in maniera tangibile il software e l’hardware made by Google, per la circostanza sostanziato anche in tanta domotica.

Nell’ambito della casa intelligente, Google sta investendo davvero molto, anche per renderla accessibile a tutti. Ecco perché, al Google Home (il supporto hardware dell’assistente virtuale di casa), è stato affiancato un “Google Home Mini” che ricorda quasi una sorta di puff in miniatura (ha un diametro di 5 o 6 cm): la superficie del “tettuccio” è rivestita in tessuto trasparente, che lascia scorgere 4 LED a sfioramento, ai quali è demandato il compito di indicare lo stato residuo di carica e l’elaborazione dei comandi vocali imposti dall’utente.

Google Home Mini è in grado di interagire, via Wireless, con ChromeCast, il dongle googleiano per le smart TV, e con più di 1000 accessori domestici intelligenti: tra questi, vi sarà la nuova serie di elettrodomestici NEST (azienda googleiana) che, un tempo specializzata in termostati smart, ora ha messo in campo 6 nuovi device, tra cui anche un citofono senza fili, capace di riconoscere chi suona alla porta, e di riferirlo – appunto via Google Home Mini – agli occupanti della casa. Il tutto, naturalmente, avviene all’insegna della già citata intelligenza artificiale: dotato di un microfono, è in grado di ricevere comandi vocali (es. mettimi in comunicazione col negozio il cui indirizzo è “xxx”), e di rispettare precise routine operative (es. al sentire “buona notte”, cala le tapparelle, abbassa la temperatura, attiva la videosorveglianza, imposta la sveglia), e di riconoscere e reagire solo al suo proprietario. 

Cadenzato nelle colorazioni arancione rossiccio, grigio chalk, e nero (in realtà un grigio scuro), ma sempre con audio immersivo grazie al tweeter puntato verso l’alto, il Google Home Mini arriverà in commercio il 18 Ottobre, a 49 dollari, anche in diversi paesi europei (tra cui Francia, Germania, e UK). 

Oltre al Google Home Mini, che farà compagnia al modello standard già in commercio, è stata annunciata anche una variante “Maxi”, con base magnetica, simile a un ciambellone, ma sempre con la parte frontale in tessuto trasparente a coprire dei LED: il suono, in questo caso, è più potente (20 volte in più), grazie ai 2 Tweeter da 0.7 pollici ed ai 2 Woofer da 4.5 pollici (volendo, tramite la porta AUX si può collegare una cassa esterna), e ciò tradisce una spiccata vocazione intrattenitiva, considerando anche il supporto a servizio come Google Play Music, Spotify, Pandora, i 12 mesi di abbonamento gratuito a YouTube Red, e la feature “smart sound”, che assicura un’audio ottimizzato alla stanza in cui ci si trova, o al flusso audio riprodotto.

Previsto nelle 2 tonalità di grigio, chiaro e scuro, e col supporto al Bluetooth, Google Home Maxi esordirà nel mercato USA a 399 dollari e, in seguito, arriverà anche in altri mercati. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Mi è piaciuta molto anche la presentazione - in quel di San Francisco - dei device Google Home: il modello Mini costa davvero poco, e potrebbe aver successo anche in Italia, qualora l'assistente virtuale Assistant riesca finalmente ad abbracciare l'italiano. In fondo, ha molte utili funzionalità, e agevolerebbe la vita quotidiana non poco, viste le tante cose che è in grado di fare, a patto di avere una casa decisamente hi-tech. Google Home Maxi, invece, è più indicato per gli amanti della musica di qualità, e - complice anche il prezzo di 399 dollari - è un device decisamente elitario.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!