Iscriviti

Google Home, l’assistente hardware da salotto…un po’ indiscreto

Nella kermesse del 4 Ottobre, Google ha presentato - oltre ad i suoi Pixel - anche un'interessante assistente hardware da salotto, Google Home, che - oltre a saper dialogare con l'utente - permetterà anche di controllare i dispositivi smart delle case moderne.

Hi-Tech
Pubblicato il 6 ottobre 2016, alle ore 14:10

Mi piace
3
0
Google Home, l’assistente hardware da salotto…un po’ indiscreto

Ormai, su internet, pullulano confronti e benchmark inerenti i nuovi smartphone “made by Google“, i famosi Pixel, e non si parla – tecnologicamente – d’altro. Tuttavia, nello stesso evento tenuto a San Francisco, Mountain View ha presentato anche altri dispositivi interessanti: Google Home, l’assistente hardware da salotto, è senz’altro tra questi.

Google Home, almeno nella forma, ricorda quasi una bottiglia tagliata di traverso, o un panciuto portacandele. La parte superiore è nel tipico bianco minimale tanto caro a Google mentre la porzione più bassa, removibile, è cadenzata in 7 diverse colorazioni, a seconda del materiale con cui è realizzata: la versione in metallo ha a disposizione le tonalità Carbon, Snow e Copper, mentre quella in tessuto opta per Grey, Mango, Marine e Violet.

A parte l’estetica, cos’è – di preciso – Google Home? Innanzitutto è l’emanazione hardware di Google Assistant, l’intelligenza artificiale che Mountain View ha previsto per i suoi dispositivi smart: grazie alla sua capacità di comprendere il linguaggio naturale ed alla funzione “Conversational Actions”, questo dispositivo è capace di interagire con l’utente in veri e propri botta e risposta (es. che tempo fa, qual è il tasso di cambio di tale moneta, che traffico c’è in quel dato posto) nei quali darà il meglio di sè man mano che, ascoltandoci, imparerà i nostri gusti. Qualora ve lo steste chiedendo, la privacy – in teoria – è garantita: quando i microfoni (2, di cui uno per la cancellazione del rumore) di Home entrano in funzione, si accendono dei LED e, tramite un pulsante, è possibile spegnerli in modo da “avere il diritto a rimanere soli”. 

Oltre a ciò, Home è anche un hub per tutto l’equipaggiamento tecnologico che è presente nostre case. Essendo compatibile con il protocollo SmartThing di Samsung, con i dispositivi Nest (acquisita da Google), e con quelli Philips Hue, questo dispositivo da salotto è capace, su nostro comando vocale, si regolare il termostato, accendere le luci, dialogare con Chromecast in modo da proiettare sulla tv qualche video musicale, le foto delle nostre gallery, o una data serie tv attinta da Netflix. Naturalmente è immancabile l’interazione con gli smartphone: in questo frangente, sarà possibile anche compilare una lista della spesa e spedirla direttamente al proprio smartphone mentre si è in giro. 

Non solo. Home è anche un altoparlante wireless molto sofisticato in grado di riprodurre la musica prelevata da un’ampia gamma di servizi online (Google Music, YouTube – tanto per giocare in casa – ma anche Spotify, Pandora, e TuneIn). Per regolare il volume degli stream erogati da tale dispositivo, sarà possibile sfruttare la superficie touch collocata sulla parte superiore del suo corpo.

Infine, dulcis in fundo, Google Home è modulare. È sì un blocco unico ma può interagire con altri suoi simili sparsi per casa in modo da erogare musica, o da rispondere alle nostre domande, a seconda della stanza in cui ci troviamo in un dato momento. 

Purtroppo, almeno per ora, Google Home – come Alexa di Amazon – sarà disponibile solo negli USA dove è già in pre-ordine al prezzo di 129 dollari. Discriminazione verso il mercato del Vecchio Continente, o semplice timore verso le restrittive misure della privacy secondo Bruxelles? 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Dal punto di vista delle funzionalità, sono attratto dagli assistenti hardware da salotto come Alexa di Amazon, o Home di Google. Trovo che possa essere utile che la casa, in qualche modo, ci ascolti per registrare le nostre esigenze e rispondere ai nostri desideri. Anche, semplicemente, per semplificare le nostre caotiche vite. D'altro canto, però, un dispositivo del genere che sta sempre ad ascoltarti non mi convince: può essere "assordato", diciamo così, ma - in quanto hackerabile da remoto - qualcuno potrebbe sempre utilizzarlo per scoprire, pericolosamente, le abitudini di chi abita una certa casa... No, quindi. Credo che NON mi procurerò un Google Home: almeno fino a che non si inizieranno a tappare anche le falle di sicurezza che, sempre più numerose, stanno emergendo nell'IoT.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!