Iscriviti

Chuwi: in lancio il notebook GemiBook Pro ed il miniPC CoreBox Pro

Con la festa dei single ormai nel vivo, Chuwi non si è sottratta alla tenzone tecnologica e, per l'occasione, ha fatto esordire, in offerta lancio, ben due nuovi prodotti, tra cui il notebook entry level GemiBook Pro, ed il miniPC da ufficio CoreBox Pro.

Hi-Tech
Pubblicato il 12 novembre 2020, alle ore 11:11

Mi piace
6
0
Chuwi: in lancio il notebook GemiBook Pro ed il miniPC CoreBox Pro

In attesa del Black Friday, è il Single Day cinese ad aver entusiasmato i fan degli acquisti tecnologici che, in queste ore, necessitando di un buon computer, senza però spendere troppo, possono fare affidamento anche sul nuovo notebook GemiBook Pro o sul miniPC CoreBox Pro, concepiti dalla cinese Chuwi con Windows 10 Home a bordo.

Proposto in offerta lancio su Aliexpress, il GemiBook Pro, evoluzione di un modello visto lo scorso Settembre, ha un sottile (310 x 229,5 x 20,6 mm) e leggero (1.5 kg) telaio metallico, comunque equipaggiato con diverse porte I/O, tra cui l’ingresso per l’alimentazione, il jack da 3.5 mm, un lettore di microSD, una USB 3.0 Type-A ed una USB Type-C. Spalancato, sotto una webcam da 1 megapixel, è subito apprezzabile il display LCD IPS da 14 pollici, risoluto in 2K (2160 x 1440 pixel) secondo un aspetto panoramico a 3:2 molto utile per scorrere i contenuti in verticale, ben “coperto” a livello cromatico (72% sulla scala NTSC). 

A motorizzare il Chuwi GemiBook Pro (330,21 euro), debitamente energizzato da una batteria pari a 38 Wh, sotto la tastiera retroilluminata, opera il processore quadcore (da 2 a 2.7 GHz) Intel Celeron J4125, della generazione Gemini Lake Refresh, realizzato a 14 nanometri ma ben efficiente energeticamente (10W di TDP), inclusivo di una GPU integrata UHD Graphics 600, capace di supportare flussi video in 4K@60fps. L’allestimento proposto per il Chuwi GemiBook Pro, per altro inclusivo delle connettività Bluetooth 5.1 e Wi-Fi ax/6, prevede mnemonicamente 16 GB di RAM (LPDDR4X) e un SSD per l’archiviazione, da 512 GB, con la possibilità di aggiungere via slot sottostante di facile accesso sino a 1 TB di SSD (M.2).

Passando alla categoria dei miniPC, il compatto (173 x 158 x 73 mm, 2 litri di volume, 901 grammi) Chuwi CoreBox Pro (sul sito ufficiale del brand, in offerta lancio a 439 dollari, vs i 479 finali), seguito del modello dello scorso Maggio, può essere collocato in orizzontale o verticale, mettendo a disposizione quattro USB 3.0, due jack da 3.5 mm per cuffie e microfono, due Gigabit Ethernet LAN e, onde connettere sino a 3 display 4K@30fps, una Display Port, una HDMI, ed una Thunderbolt 3 (utile anche per trasferire dati a 40 GB/s, o per connettere una GPU esterna). 

Nel case (in alluminio/magnesio/policarbonato, nella nuance grigio siderale/nero) del miniPC Chuwi CoreBox Pro, nel quale risultano a regime le connettività Wi-Fi 6 e Bluetooth 5.1 (via modem Intel AX200), il processore scelto è il quadcore (da 1.2 a 3.4 GHz) Intel i3-1005G1 di 10a generazione, a 15W di TDP, con GPU interna UHD, supportato da 12 GB di RAM (LPDDR4) e, quanto a storage, da 256 GB di SSD (NVMe), estendibili inserendo un hard disk a stato solido M.2 2280. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - I due prodotti testé proposti da Chuwi si rivolgono a utenze ed a esigenze ben differenti: nel primo caso, si tratta di un terminale entry level che offre una buona operatività in mobilità mentre, nel secondo caso, le specifiche consentono un maggior impegno, a livello professionale, con tante porte a disposizione, sino a 3 display 4K e, ovviamente, un processore più performante.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!