Iscriviti

Voli annullati a Londra: la disperazione di Josephine Yousef, bloccata in aeroporto con tre figli

Josephine Youseff è bloccata all'aeroporto londinese da domenica, con i suoi tre figli, per via della variante inglese del Covid. La nostra connazionale lancia un forte appello d'aiuto.

Esteri
Pubblicato il 23 dicembre 2020, alle ore 21:27

Mi piace
1
0
Voli annullati a Londra: la disperazione di Josephine Yousef, bloccata in aeroporto con tre figli

Josephine Youssef, 43 anni, cittadina italiana che vive a Milano, domenica scorsa ha preso un volo della British Airway diretta da Milano a Londra, dove vive il suo ex marito, per prelevare i suoi 3 figli, di 15, 12 e 6 anni, in modo da trascorrere con loro le vacanze natalizie. Ma, arrivata a Londra, per via delle notizie legate alla variante inglese del Covid, è rimasta bloccata nella connection area assieme ai 3 ragazzini che hanno passato i controlli di sicurezza per imbarcarsi verso l’Italia.

Ero partita senza nulla né per me né con le medicine per i bambini, nessuno sapeva quel che sarebbe accaduto”, dice la donna, nella più totale disperazione. La prima notte la British Airways le ha messo a disposizione una stanza d’albergo, mentre ora si trova in una sorta di accampamento. “Chiediamo di poter tornare a casa. Lo Stato spagnolo si è speso in tal senso coi propri connazionali, noi siamo ancora bloccati qui”, aggiunge.

La rabbia degli italiani bloccati nel Regno unito

Sono migliaia gli italiani che hanno sfogato la loro rabbia e frustrazione sui social, gridando e raccontando le loro storie, storie di connazionali rimasti bloccati in Regno Unito per via della variante inglese del Covid, sulla base delle decisioni prese dal governo italiano per limitare la diffusione del nuovo virus.

Una rabbia che monta sui gruppi social come “Azione Collettiva degli italiani bloccati in Gb” e “Il governo italiano ci ha lasciati al freddo in UK”. Tra questi c’è la disperazione di Josephine, bloccata all’aeroporto di Heathrow da domenica pomeriggio. In transito nello scalo londinese, avrebbe dovuto rimanervi due ore prima di prendere la connessione per Milano.

La donna è sola, viaggia con le valigie dei suoi 3 figli e una carrozzella. Non ha più soldi con sé. Tanti i commenti a sostegno della Youssef, oltre agli aiuti concreti, giunti dagli italiani residenti in Gran Bretagna verso i connazionali bloccati che non hanno un’abitazione in cui rientrare a Londra.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Katia Lenti

Katia Lenti - Una storia toccante quella della nostra connazionale Josephine Youssef. Speriamo che il governo italiano adotti provvedimenti per farla tornare presto, con i suoi bambini, in Italia. Ci mancava la variante inglese del virus per gettare nel più totale sconforto tutto il mondo! Confido in un lieto fine per questa coraggiosa mamma

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!