Iscriviti

Lo sbarco indiano sulla luna: probabile schianto

Un possibile errore di atterraggio avrebbe posto fine alla missione indiana dello sbarco sulla Luna: anche la Nasa avrebbe cercato senza successo di individuare il sito di atteraggio tramite il Lunar Reconnaissance Orbiter.

Esteri
Pubblicato il 23 settembre 2019, alle ore 13:21

Mi piace
5
0
Lo sbarco indiano sulla luna: probabile schianto

Il 20 settembre l’India ha tentato lo sbarco sulla Luna: i funzionari dell’Agenzia Spaziale Indiana ISRO stanno riportando un possibile esito infausto relativamente al lander Vikram ad energia solare, che avrebbe invece dovuto contattare il nostro pianeta entro il termine del giorno lunare.

Un possibile impatto con la superficie infatti avrebbe purtroppo posto fine alla missione: la sonda infatti sarebbe stata mancante del contatto precedente all’atterraggio a cui era destinata, vicino al polo sud lunare.

La speranza del ripristino della comunicazione da parte di Vikram stesso, o dal suo rover di bordo Pragyan, è durata ben 2 settimane ovvero un giorno lunare che corrisponde alla durata della sua progettazione nell’ipotesi di mancanza di luce solare ed in presenza di basse temperature. Successivamente al tramonto del sole, infatti il clima scende a circa -180° per ulteriori due settimane: in tal caso, la sopravvivenza della componente elettrica del lander si presuppone che non riesca a reggere al gelo della notte.

Non sono state inoltre rese pubbliche le 10 immagini riferibili al lander disteso o inclinato su un lato, che l’ISRO ha affermato di aver ricevuto dall’ suo orbiter Chandrayaan 2 il 10 settembre.

Il 17 del mese invece la NASA, tramite il Lunar Reconnaissance Orbiter, ha scrutato il sito di atterraggio ma, a causa dell’ora locale lunare vicina al crepuscolo, l’area si presentava ricoperta da grandi ombre: in mancanza della posizione esatta del lander, è stato ipotizzato potesse trovarsi in un campo visivo esterno alla telecamera.

Tre giorni dopo, il Times of India ha informato dei risultati a cui sarebbe giunto il team, occupato di analizzare l’esito della missione: un possibile errore nel programma relativo all’atterraggio automatico del veicolo spaziale, sarebbe stato la causa principale dello schianto, che avrebbe indotto il lander a girare sulla superficie lunare con i propulsori intenti nel rallentamento della discesa, anziché nella corretta accelerazione.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Lara Tubia

Lara Tubia - La tecnologia che l’osservazione dell’universo richiede è davvero complessa e delicata: è probabilmente stato sufficiente un minimo difetto di atterraggio per porre fine alla missione indiana, con tutti gli sforzi economici e lavorativi che avrà sicuramente richiesto. Mi auguro possa riprovarci ancora ed avere maggiore successo in futuro, ottenendo i risultati sperati.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

23 settembre 2019 - 13:22:18

Nononostante la Gold Cloth, non ha retto agli attacchi di Selene :D

0
Rispondi
Fabrizio Ferrara
Lara Tubia

23 settembre 2019 - 13:24:10

dici che Selene sia contraria? ;-)

0