Iscriviti

La New Horizons della NASA ha esplorato Ultima Thule

La Nasa è riuscita a far passare la sonda sul corpo più distante fino ad oggi rispetto alla Terra. Si tratta di Ultima Thule, un corpo che conserva ancora i frammenti delle origini del sistema solare.

Esteri
Pubblicato il 2 gennaio 2019, alle ore 01:55

Mi piace
4
0
La New Horizons della NASA ha esplorato Ultima Thule

È ufficiale: New Horizons della NASA, che ha visitato Plutone nel 2015, ha completato con successo un sorvolo del MU69 del 2014: l’oggetto più distante che una sonda abbia mai studiato da vicino. La NASA ha celebrato l’evento con un sacco di fanfare poco dopo la mezzanotte di Capodanno, che è quando la navicella spaziale ha effettivamente fatto il suo approccio più vicino alla roccia aliena.

Ma quel conto alla rovescia era davvero solo un pio desiderio: New Horizons è a più di 6 miliardi di chilometri di distanza dalla Terra, quindi ci vogliono ore per trasmettere i dati a casa. Nessuno sapeva se la missione avesse avuto o meno successo prima delle 10:30 di martedì, quando finalmente New Horizons ha fatto il check-in. Con un’astronave che si muove ad oltre 50 mila km/h e atterra su un oggetto di appena 32 chilometri di diametro, il successo era lontano dall’essere garantito.

Ultima Thule: il corpo più lontano mai raggiunto nella storia da New Horizons

Mentre lo stato d’animo di lunedì sera era del tutto esultante, non c’è paura di fallire quando si fa un finto conto alla rovescia, la gente nel controllo della missione sembrava nervosa aspettando una vera indicazione del successo del flyby. La maggior parte di questa tensione si è allentata non appena è stata confermata la presenza di un segnale forte, ma il team ha dovuto attendere ancora diversi minuti per scaricare i dati corretti.

Alle 10:34, Alice Bowman, Mission Operations Manager, è sembrata mormorare “Penso che l’abbiamo fatto“, tenendo la sua voce bassa e sorridendo leggermente mentre aspettava una vera conferma. Alle 10:36 il team ha ricevuto la parola di buoni dati scientifici da MU69, il che significa che New Horizons aveva usato con successo i suoi strumenti per raccogliere informazioni sull’oggetto e stava inviando i preziosi dati a casa.

Abbiamo un veicolo spaziale sano, abbiamo appena completato il sorvolo più distante“, ha detto Bowman. Ha aggiunto che i dati che avrebbero scaricato in un secondo momento avrebbero “aiutato a capire le origini del nostro sistema solare“. MU69 non è un oggetto particolarmente singolare: per quanto è possibile dire, è probabilmente un residente piuttosto tipico della fascia di Kuiper. Ma ciò genera ancora un sacco di interesse scientifico.

La Cintura di Kuiper è così fredda e lontana dalla luce del Sole che gli oggetti in essa contenuti sono verosimilmente immutati rispetto al modo in cui si trovavano quando furono per la prima volta finiti lì nei primi giorni del nostro sistema solare. La speranza è che studiare corpi come MU69 aiuterà a capire meglio i blocchi che hanno formato il nostro pianeta e quelli che ci circondano, e come e perché sono stati assemblati in questo modo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Una scoperta che potrebbe rappresentare ciò che potrebbe consentire di riscrivere i libri di storia. Si tratta di un piccolissimo passo verso la scoperta dell'origine del nostro sistema solare, e dunque la nascita del Sole, dei pianeti, e dei satelliti naturali che ci girano intorno. Servirà del tempo per analizzare tutto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!