Iscriviti

Attentato di Strasburgo: l’identikit del killer

Il killer dell'attentato di Strasburgo, secondo gli ultimi identikit, si chiama Cherif ed ha 29 anni ed è di origine nordafricana anche se nato in Francia.

Esteri
Pubblicato il 12 dicembre 2018, alle ore 05:54

Mi piace
4
0
Attentato di Strasburgo: l’identikit del killer

L’attentato di Strasburgo avvenuto alle 20:00 della giornata dell’11 dicembre ha scosso il mondo intero. Il primo bilancio provvisorio fornito dalle fonti della polizia locale indica quattro morti e undici feriti, tra i quali anche un giovane giornalista italiano, ma purtroppo il numero sta crescendo con il passare delle ore.

L’altra brutta notizia viene rivelata da Roland Ries, il sindaco della città di Strasburgo. Come ci anticipa il primo cittadino, il killer non è stato ancora catturato dalla Polizia. Alcuni fonte giornaliste, come “Le Figaro”, hanno rivelato in anticipo il profilodel presunto killer che ha causato numerosi morti e feriti.

L’identikit del killer

L’attentatore si chiama Cherif, ha 29 enni ed è di origine nordafricana anche se nato proprio a Strasburgo. Le ultime notizie ci raccontano che il ragazzo doveva essere arrestato poche ore prima dell’attentato a causa di una inchiesta per estorsione. In questa circostanza però le forze dell’ordine non l’hanno trovato all’interno della sua abitazione.

Questi non sono i primi reati che compie nella sua vita. Nel 2011 ha avuto un condanna perché aggredisce una persona con un coccio di bottiglia. Secondo la prefettura francese, sarebbe già stato classificato come “S”, che corrisponde a “elemento religioso radicalizzato”. Questa voce viene confermata anche da Christophe Castaner, il ministro dell’interno nel secondo governo Philippe dopo le dimissioni di Gérard Collomb.

Pare che Cherif dopo l’attentato sarebbe scappato a bordo di un taxi venendo ferito dalla polizia. Le forze dell’ordine l’avrebbero localizzato all’interno in un palazzo di rue d’Epinal, ma è riuscito comunque a fuggire. Per il momento non si hanno ulteriori notizie, ma la Polizia sta ancora lavorando per beccare il killer, e stanno anche rafforzando i controlli alle frontiere. A tutti i cittadini di Strasburgo è stato invitato di barricarsi al sicuro all’interno delle loro abitazioni.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - Già che si conosca l'identikit del killer può essere d'aiuto per le ricerche future. In realtà si spera che venga beccato il prima possibile e che si possa fare giustizia per le famiglie delle povere vittime. La cosa che più fa rabbia e che proprio in queste ore doveva essere arrestato per un altro crimine

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!