Iscriviti

Vicenza, nigeriano irregolare tenta di violentare una conducente di autobus

Un 31enne ha cercato di violentare la conducente di un bus a Vicenza: è stato un passante a salvare la donna. Il nigeriano, pochi giorni fa, aveva aggredito due agenti.

Cronaca
Pubblicato il 1 giugno 2019, alle ore 13:23

Mi piace
3
0
Vicenza, nigeriano irregolare tenta di violentare una conducente di autobus

Non si è interessato di essere all’aperto e, davanti a tutti, ha cercato di violentare la conducente di un autobus nella città di Vicenza. L’uomo, un nigeriano clandestino di 31 anni, con tanto di precedenti penali, ha pensato bene di integrarsi nel nostro Paese aggredendo la donna, mettendosi a cavalcioni su di lei, e cercando di strapparle i pantaloni.

L’energumeno sarebbe riuscito sicuramente nel suo intento, se non fosse intervenuto un giovane che, vedendo la scena, ha colpito l’uomo con i pugni, mettendolo in fuga. Il nigeriano, che forse temeva di essere linciato dalla folla, è scappato a gambe levate, non prima però di aver scaraventato a terra un’anziana signora, procurandole alcune contusioni.

A dare l’allarme è stata la nipotina della vittima, che ha prontamente chiamato la polizia. Gli agenti, una volta giunti sul posto, sono riusciti a individuare l’aggressore grazie alle foto che i presenti avevano scattato con il proprio cellulare. Una volta intercettato l’uomo, i poliziotti hanno dovuto usare lo spray urticante per placarne i bollenti spiriti.

L’irregolare, Isaiah Ogboe, è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale aggravata, lesioni, resistenza a pubblico ufficiale, rifiuto di fornire le proprie generalità, e interruzione di pubblico servizio. Aveva già dei precedenti penali: due settimane fa, dopo essere stato fermato dalla polizia ferroviaria e trovato privo di biglietto, la “risorsa” nigeriana aveva aggredito e ferito due agenti.

Non è la prima volta che un nigeriano si rende protagonista di violenze ai danni di una donna. Qualche giorno fa, un altro nigeriano aveva aggredito, insultato e picchiato, definendo “italiana di merda”, una madre di famiglia che se ne stava seduta in metropolitana a leggere un libro di Giorgia Meloni. Bloccato e arrestato da una guardia giurata, l’uomo è stata rilasciato dopo due ore.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Mario Barbato

Mario Barbato - Questo energumeno aveva già dei precedenti penali per aver aggredito e ferito due poliziotti e, ciononostante, era ancora nel nostro Paese. Evidentemente il magistrato che lo ha graziato deve aver pensato che, non essendo autoctono, doveva essere perdonato perché incapace di capire che certe cose in Italia non si fanno.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!