Iscriviti
Napoli

Sparatoria di Napoli: preso il presunto killer, la piccola Noemi si è svegliata

Grande commozione all'ospedale Santobono di Napoli per il risveglio della piccola Noemi di 3 anni, colpita da un proiettile la settimana scorsa. La manager del nosocomio, Anna Maria Minicucci, si è detta molto contenta e soddisfatta.

Cronaca
Pubblicato il 10 maggio 2019, alle ore 12:31

Mi piace
7
0

Sembrano in via di miglioramento le condizioni cliniche della piccola Noemi di 4 anni, colpita dal proiettile di un killer in piazza Nazionale, a Napoli, mentre era in compagnia della nonna. La bimba si è svegliata dopo una settimana in coma farmacologico. Questo evento ha suscitato la commozione e felicità di tutto lo staff medico ed infermieristico che sta assistendo la piccola nel reparto di terapia intensiva.

Da questa mattina, Noemi inizia a respirare da sola senza l’ausilio di macchinari e/o apparecchiature di supporto, ed è stata portata ad uno stato di sedazione non profonda. La prognosi però resta comunque riservata. Dall’ospedale intanto fanno sapere che, nella giornata di ieri, la bambina è stata sottoposta a broncoscopia sia per il polmone destro che sinistro, così da permettere di liberare i bronchi da muchi ed eventuali coaguli. Il prossimo bollettino sarà diramato nelle prossime 24 ore.

Nel frattempo, sempre in mattinata, è stato catturato il presunto killer che ha sparato alla piccola Noemi ed alla nonna. Il suo nome è Armando del Re. L’uomo è stato bloccato insieme al fratello, suo complice. Sono in corso ulteriori indagini per capire meglio la dinamica dell’agguato e soprattutto il movente.

Nelle prossime ore, si saprà di più sulle condizioni di salute della bimba, ancora nel reparto di terapia intensiva e sotto la lente di ingrandimento da parte del personale medico, che non si sbilancia ancora. Il proiettile, avendo compromesso il regolare funzionamento dei polmoni, ne ha intaccato grandemente tutto il sistema respiratorio.

Certamente, però, il suo risveglio ha determinato in tutto l’ospedale e nella famiglia di Noemi grande entusiasmo e positività. La piccola non è ancora fuori pericolo, ma il fatto che riesca a respirare da sola sicuramente è un grande segno di ripresa. Tutti attendono quindi trepidanti nuove importanti notizie sulle sue condizioni.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Beatrice Cinnirella

Beatrice Cinnirella - Finalmente una bella notizia dopo il tragico evento che ha colpito questa povera bimba di appena quattro anni. La notizia del suo risveglio ha sicuramente generato grande ottimismo e positività per la sua imminente ripresa. Facciamo tutti il tifo per Noemi ed il fatto che il suo presunto killer sia stato individuato non fa altro che accrescere questo ottimismo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!