Iscriviti
Milano

Sciopero generale 8 Marzo: protestano i trasporti, la sanità pubblica e la scuola. I rischi

Per l'8 marzo è stato indetto uno sciopero generale che coinvolge diversi settori pubblici. Disagi e rischi saranno principalmente legati al trasporto.

Cronaca
Pubblicato il 5 marzo 2019, alle ore 08:02

Mi piace
4
0
Sciopero generale 8 Marzo: protestano i trasporti, la sanità pubblica e la scuola. I rischi

Nel giorno della festa della donna, l’Italia decide di protestare. I settori interessati sono quelli dei trasporti, la sanità pubblica e la scuola. Le conseguenze e i disagi possono essere diversi.

I sindacati che hanno proclamato lo sciopero sono Usb, Cub e Sgb, Usi-Ait, Slai, Cobas, Cgil. Ecco le motivazioni della protesta e come affrontare la giornata.

Lo sciopero generale

Lo sciopero generale, proclamato dai vari sindacati, venerdì 8 marzo, riguarda diversi settori.

Per quanto riguarda i trasporti, potranno verificarsi disagi per treni, mezzi di trasporto locali, traghetti, taxi e anche voli aerei. Per conoscere l’elenco dei settori del trasporto coinvolti nello sciopero e le modalità con cui sarà gestito, il Ministero dei Trasporti ha pubblicato un elenco.
Trenitalia e Trenord, per esempio, fanno sapere che per loro lo sciopero inizierà da mezzanotte alle 21 della giornata di protesta; Italo, invece, comunicherà la lista dei treni garantiti direttamente sulla propria pagina.
I taxisti sciopereranno dalle 8 alle 22, mentre gli addetti alla viabilità stradale sciopereranno per 24 ore consecutive.
Le navi dirette alle isole minori saranno ferme da mezzanotte alle 24, mentre quelle dirette nelle isole maggiori porteranno un ritardo di 1 ora. Per quanto riguarda gli aerei, invece, a Malpensa, il personale si fermerà dalla mezzanotte alle 23.59, mentre solo personale di Alitalia sciopererà dalle 10.00 alle 14.00.

Lo sciopero coinvolgerà anche il settore della sanità: i dipendenti pubblici, infatti, potrebbero incrociare le braccia. Tuttavia, nel rispetto della Legge, saranno comunque garantiti il soccorso, le emergenze e la cura dei malati gravi.

Anche la scuola aderisce allo sciopero per riaprire le GAE, dopo la sentenza dell’Adunanza plenaria, ed estendere con il doppio canale di reclutamento con graduatorie d’istituto provinciali.

La Cgil, invece, coglie l’occasione della festa della donna per protestare con lo slogan “Non una di meno” in cui si reclama il diritto per la donna alle pari opportunità sul lavoro e si condanna ogni forma di violenza alla donna. Nel occasione, il sindacato e le persone in piazza protesteranno anche contro la linea politica di Salvini sulle migrazioni.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giovanna Barone

Giovanna Barone - Lo sciopero è un diritto e spero che tutto sia gestito nel migliore dei modi e non ci siano troppi disagi per gli italiani. Mi auguro che siano ascoltate, da chi di dovere, le richieste di coloro che incroceranno le braccia e scenderanno in piazza per reclamare i loro diritti in quella giornata.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!