Iscriviti
Roma

Roma, si sta riprendendo la bimba di 22 mesi picchiata dal compagno della madre

La situazione clinica della bimba picchiata dal compagno della madre è in lento miglioramento. I medici del Bambin Gesù fanno sapere che ha ripreso spontaneamente l'attività respiratoria. L'uomo che l'ha picchiata, arrestato, dichiara: "È stato un raptus".

Cronaca
Pubblicato il 15 febbraio 2019, alle ore 14:02

Mi piace
10
0
Roma, si sta riprendendo la bimba di 22 mesi picchiata dal compagno della madre

Una piccola di 22 mesi è stata portata, nella notte di mercoledì, in gravi condizioni all’ospedale di Genzano, un centro poco distante da Roma. Riportava traumi ed ecchimosi. Temendo fosse in pericolo di vita per un ematoma cerebrale, è stato deciso di trasferirla al Bambin Gesù.

La madre, 23 anni e quattro figli, ha accompagnato la bambina all’ospedale e, interrogata dalla polizia, ha riferito che la figlia era stata picchiata dal suo compagno, un 24enne italiano, che è stato subito arrestato per tentato omicidio. 

La vicenda

Quando l’uomo si è scagliato contro la bambina procurandole ecchimosi, graffi e morsi, era a casa da solo con i quattro figli della compagna. I due convivevano da appena un paio di mesi, ma pare che anche in passato il 24enne avesse picchiato la bambina, una delle due gemelle che accudiva.

Rientrata a casa mercoledì sera verso le 21.30, la madre, viste le gravi condizioni della figlia, l’ha presa e portata all’ospedale di Genzano, che in in quel momento era chiuso. Vedendo la donna e la bambina, la vigilanza ha lanciato l’allarme e, di qui, la piccola è stata portata all’ospedale dei Castelli: solo più tardi è stata trasferita al Bambino Gesù.

L’uomo alla polizia avrebbe più volte detto: “È stato un raptus“, “È stato un raptus. Non volevo...”. Ha ammesso quindi di aver picchiato la bambina ed è stato subito arrestato. Mariastella Gelmini (Forza Italia), con un tweet, ha espresso la sua indignazione: “Quando sento vicende come queste, dire che sono arrabbiata è poco. Spero che abbia la giusta pena…

Dall’Ospedale Bambino Gesù, il bollettino medico riguardante le condizioni della piccola ha reso noto che “la situazione clinica è in lento miglioramento. I parametri cardio-respiratori sono stabili. La bambina è stata estubata, è cosciente, e ha ripreso l’attività respiratoria spontanea”. La prognosi rimane ancora riservata.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Mi è difficile capire come sia possibile picchiare un piccolo, un indifeso, uno che non può rispondere se non con le lacrime e le suppliche...ci deve essere insensibilità per arrivare a tanto: non so se sia sufficiente invocare un raptus. Forse il lasciare a casa i figli con chi già aveva dato prova di "poca pazienza", sarà stato per bisogno, visto che una baby sitter costa. Quante situazioni cui andare incontro! Non basta indignarsi...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!