Iscriviti

Reddito di cittadinanza e lavoro in nero, partono le denunce

Un lavoratore in nero è stato denunciato a Cerignola, in provincia di Foggia, in quanto ammesso al reddito di cittadinanza mentre lavorava in nero. Bloccato il sussidio, con conseguente multa e denuncia.

Cronaca
Pubblicato il 1 giugno 2019, alle ore 20:01

Mi piace
9
0
Reddito di cittadinanza e lavoro in nero, partono le denunce

È successo a Cerignola, in provincia di Foggia: un uomo che percepiva il reddito di cittadinanza lavorava in nero in un cantiere edile. A scoprirlo sono stati l’ispettorato territoriale del lavoro e i carabinieri della località del Basso Tavoliere, durante i controlli sull’applicazione della legge su lavoro, salute e sicurezza.

Il caso è stato segnalato immediatamente all’Inps che ha provveduto a interrompere il sussidio. Il lavoratore ora si trova con una multa da pagare di 4.320,00 euro e una denuncia all’autorità giudiziaria. Altre violazioni in materia di sicurezza di natura penale sono state rilevate, e le sanzioni sono pari a 4.975,00 euro.

E non è l’unico caso

I controlli effettuati a Palermo hanno rilevato il caso di un pasticcere in nero e della moglie con reddito di cittadinanza chiesto e ottenuto. L’assegno di 1050,00 euro, già incassato dalla coppia, dovrà essere restituito. Inoltre marito e moglie sono stati denunciati.

Sempre a Palermo, nelle scorse settimane, sono state scoperte storie simili a quella di Cerignola. Un altro operaio edile con reddito di cittadinanza lavorava in nero. Due coniugi, a nome della moglie, hanno chiesto il reddito di cittadinanza. La richiesta è stata accolta, ma ancora non era arrivato il sussidio, e probabilmente non arriverà visto che il marito è stato sorpreso a lavorare in nero, sempre in un cantiere.

Sono diversi i casi di operai al lavoro in nero nei cantieri edili con reddito di cittadinanza. Fillea Cgil ha commentato: “Sono centinaia le denunce fatte dalla Fillea in questi anni per lavoro irregolare: pochissimi restano invece i controlli“. 

Secondo Piero Ceraulo, segretario generale Fillea Cgil Palermo, quello del lavoro in nero è un fenomeno in aumento, ma ciò non è dovuto ai furbetti che, pur lavorando, percepiscono il reddito di cittadinanza: “Il lavoro irregolare in edilizia c’era e continua ad esserci, perché è strutturale” e continua a essere combattuto “con armi spuntate“.

Ceraulo ha spiegato che il settore edilizia vive una “crisi decennale”, che ha portato il lavoratore al ricatto. In molti casi il lavoro in nero è l’unica possibilità, nonostante il salario sia basso e il lavoratore non possa vantare alcun diritto. “Per questo – ha concluso il segretario – chiediamo controlli serrati e non per spot”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - La parola "ricatto" mi fa ammutolire. Quando un uomo è costretto a lavorare con fatica (penso che in un cantiere il lavoro sia duro), senza diritti e a basso prezzo, in alternativa ha la fame...allora non si sa più cosa sia nero e cosa sia bianco. Una cosa è certa però, il reddito di cittadinanza andava chiesto lasciando il lavoro in nero, oppure andava chiesta giustizia nel lavoro e non il reddito di cittadinanza ma, forse, in questo caso la conseguenza sarebbe stata la fame.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!