Iscriviti
Roma

Papa Francesco all’Angelus: il pensiero a Kabul

Papa Francesco denuncia: “Disumana violenza contro il popolo afghano” e prega per le vittime, i loro familiari, e quanti operano per la pace. Dal Palazzo Apostolico due giovani di Azione Cattolica Ragazzi leggono un messaggio di pace.

Cronaca
Pubblicato il 28 gennaio 2018, alle ore 16:37

Mi piace
8
0
Papa Francesco all’Angelus: il pensiero a Kabul

Ancora una volta l’esortazione di Papa Francesco è stata quella di “continuare a lavorare per costruire la pace“. Anche oggi, all’Angelus, condannando il grave attentato di qualche giorno fa a Kabul, la strage terroristica che ha ucciso quasi cento perone e provocato numerosi feriti, ha invitato alla preghiera e alla pace: ad ascoltarlo in piazza San Pietro, 25mila fedeli.

Jorge Mario Bergoglio si è interrogato a voce alta: “Fino a quando il popolo afghano dovrà sopportare questa disumana violenza?”. Una domanda che ha toccato il cuore dei presenti, invitandoli alla preghiera per le vittime, per le loro famiglie, e per quanti continuano a lavorare per la pace. 

Papa Francesco si è poi intrattenuto sul brano evangelico di oggi: Gesù è il Maestro potente in parole, insegna con autorità, e opere, vince il male. Coloro che, presenti, assistono ai fatti, si domandano: “Che è mai questo?“. Gesù, ha sottolineato il Papa, nella sua missione “rivela l’amore di Dio sia con la predicazione sia con innumerevoli gesti di attenzione e soccorso ai malati, ai bisognosi, ai bambini, ai peccatori“. È una grazia grande per noi, ha detto il Papa, “aver conosciuto questo Dio così potente e così buono!”, maestro e amico, pronto a indicarci la strada e a prendersi cura di noi, specialmente quando siamo in difficoltà.

In piazza San Pietro, erano presenti vari gruppi, oggi anche i ragazzi dell’Azione Cattolica della diocesi di Roma, giunti nella tappa finale del percorso “Carovana della Pace. Due giovanissimi, Luca e Desirée, sono stati invitati a salire nell’appartamento pontificio e a leggere un messaggio a nome di tutta l’Acr romana. Nel messaggio, hanno riportato lo slogan dell’anno: Pronti a scattare…per “un messaggio di pace“, perché “nel nostro piccolo, noi vogliamo impegnarci: ti promettiamo che cercheremo di mettercela tutta!“. 

Dopo averli ringraziati, Papa Francesco li ha esortati a non stancarsi mai di promuovere la pace e la gioia tra i coetanei. Il saluto finale ha visto salire in cielo palloncini bianchi e gialli: salgono “insieme alle nostre preghiere per la pace“, ha ricordato il Papa.

L’ultima parola è andata alla Giornata mondiale dei malati di Lebbra. La malattia, ha ricordato il Papa, purtroppo colpisce anche ai nostri giorni, soprattutto i disagiati e i poveri. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Diversi argomenti, come spesso accade, si sono intrecciati anche oggi nell'Angelus: l'attentato di Kabul e l'esortazione alla pace, la spiegazione del Vangelo del giorno, e la grazia di conoscere un Maestro che ci conduce su sentieri di pace, i ragazzi dell'ACR e il loro impegno per la pace, ed infine la Giornata Mondiale dei Malati di Lebbra, e la vicinanza fraterna che genera pace nel cuore.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!