Iscriviti

Omicidio Raciti, concessa semilibertà a ultrà condannato a 11 anni di reclusione

Daniele Natale Micale, 30 anni, l'ultrà condannato per l'omicidio di Raciti, ha ottenuto la semilibertà. L'ultrà ha già scontato oltre metà della condanna in carcere a Catania.

Cronaca
Pubblicato il 13 gennaio 2018, alle ore 20:02

Mi piace
7
3
Omicidio Raciti, concessa semilibertà a ultrà condannato a 11 anni di reclusione

Daniele Natale Micale, 30 anni, è in regime di semilibertà da poco prima di Natale. L’uomo è uno dei due ultrà del Catania condannati per aver ucciso l’ispettore della polizia Filippo Raciti, il 2 febbraio 2007, allo stadio Massimino, mentre si giocava il derby col Palermo. Allora, Micale si trovava in compagnia del minorenne Antonino Speziale.

Nel novembre del 2012, Micale era stato condannato in via definitiva a 11 anni di reclusione con l’accusa di omicidio preterintenzionale. Ad oggi, l’uomo ha già scontato oltre metà della condanna in carcere a Catania, e gli rimangono ancora 4 anni per pagare il suo debito con la giustizia.

La semilibertà dei Micale è stata concessa dietro richiesta dei difensori del condannato, gli avvocati Eugenio De Luca e Matteo Bonaccorsi, che sono riusciti a vincere questa battaglia. Così, grazie al provvedimento, Micale esce di carcere la mattina, va al lavoro che gli è stato assegnato, e torna nuovamente in carcere la sera, dove trascorre quindi ancora le sue notti.

Il provvedimento di semilibertà riguardante Micale è stato accolto dal Tribunale nell’ottica del graduale reinserimento sociale del soggetto, al fine di consentire all’uomo di «svolgere attività lavorativa come dipendente» di un supermercato. Concorde con la tesi degli avvocati De Luca e Bonaccorsi, il Tribunale ha quindi accolto la concessione del beneficio in quanto sono presenti i requisiti per concederlo, ovvero il fatto che abbia già scontato oltre metà della pena.

Micale ha quindi tenuto una buona condotta nel carcere e, oltre ad aver usufruito di permessi premio, ha svolto anche volontariato all’esterno del carcere. Inoltre, il fatto che Micale non abbia pendenze di alcun genere è stata una cosa positiva che ha permesso ai giudici di non opporsi alla richiesta.

Antonino Speziale, invece, rimane ancora in carcere. L’uomo, all’epoca dei fatti minorenne, è stato condannato a 8 anni per lo stesso reato.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Daniela Ricupati

Daniela Ricupati - La semilibertà è senz'altro molto apprezzata perché vuol dire che il condannato ha tenuto un comportamento esemplare durante la sua prigionia. Mi dispiace solo per la famiglia di Raciti, colpita non solo dal lutto, ma anche dal fatto che adesso il colpevole è quasi libero. Speriamo che ci sia anche un pentimento, oltre al ritorno alla vita libera.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!