Iscriviti

Omicidio Pamela: convalidato l’arresto di Oseghale, ma senza l’accusa di omicidio

Nell’attesa che l’esame tossicologico chiarisca i motivi del decesso della 18enne, il fermato resta in carcere con le accuse di occultamento e vilipendio di cadavere

Cronaca
Pubblicato il 6 febbraio 2018, alle ore 23:21

Mi piace
14
0
Omicidio Pamela: convalidato l’arresto di Oseghale, ma senza l’accusa di omicidio

Il Giudice per le indagini preliminari ha convalidato il fermo del 29enne nigeriano, Innocent Oseghale, sospettato di essere l’assassino della 18enne Pamela Mastropietro, il cui corpo è stato ritrovato, mutilato, all’interno di due trolley, una settimana fa nelle campagne di Pollenza in provincia di Macerata.

Per il momento l’accusa di omicidio non è ancora stata confermata, in quanto si attende l’esame tossicologico, per verificare se l’overdose può essere la causa della morte della ragazza. Restano in piedi le accuse di occultamento e vilipendio di cadavere.

Nel frattempo il pusher nigeriano ha raccontato la sua versione dei fatti. La ragazza, allontanatasi volontariamente dalla comunità di recupero per tossicodipendenti, “Pars” di Corridonia, si sarebbe incontrata con l’uomo, al quale avrebbe chiesto dell’eroina. Successivamente Pamela avrebbe avuto una crisi per overdose e il nigeriano sarebbe scappato. Nessuna indicazione su quello che sarebbe successo dopo.

Nell’attesa dei risultati tossicologici, gli inquirenti stanno indagando anche su un altro nigeriano, anch’egli spacciatore, e che avrebbe fornito a Oseghale la dose di eroina per Pamela, visto che lui aveva in casa solo della marijuana.

Le prove sul coinvolgimento di Innocent Oseghale sono schiaccianti, infatti gli inquirenti hanno trovato i vestiti della ragazza sporchi di sangue nell’appartamento del nigeriano. E poi ci sono le immagini della farmacia dove Pamela, seguita dal pusher, avrebbe acquistato la siringa per iniettarsi la droga e un testimone, che ha visto l’uomo trasportare due trolley, in prossimità della zona del ritrovamento del corpo della vittima.

Per l’indagato la posizione potrebbe anche alleggerirsi se emergerà che la ragazza è morta per abuso di sostanze stupefacenti, in tal caso il pusher potrebbe anche ottenere gli arresti domiciliari, anche se, come ha ricordato la mamma di Pamela, l’uomo, con un permesso di soggiorno scaduto, e diversi precedenti per spaccio, non si sarebbe dovuto trovare sul suolo italiano.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Costantino Ferrulli

Costantino Ferrulli - Una storia bruttissima, una violenza inaudita, anche se si dovesse appurare che la ragazza sia morta per overdose. Purtroppo le parole della mamma di Pamela squarciano una profonda ferita nella gestione delle persone irregolari presenti nel nostro paese e che diventano il braccio della criminalità. Con il rispetto delle leggi, il nigeriano sarebbe stato rispedito a casa sua e Pamela oggi avrebbe potuto continuare la sua vita e la sua lotta contro la tossicodipendenza.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!