Iscriviti

Omicidio Pamela Mastropietro, fermato un nigeriano: è lui l’artefice del mutilamento?

In queste ore è stato fermato Innocent Oseghale, nigeriano indicato come il possibile artefice del macabro omicidio di Pamela Mastropietro, trovata a pezzi all'interno di due trolley.

Cronaca
Pubblicato il 2 febbraio 2018, alle ore 13:21

Mi piace
4
0
Omicidio Pamela Mastropietro, fermato un nigeriano: è lui l’artefice del mutilamento?
Pubblicità

Diventano sempre più macabre le indagini sull’omicidio di Pamela Mastropietro, 18 enne della provincia di Macerata, il cui corpo è stato trovato mutilato e fatto a pezzi in due trolley nei giorni scorsi abbandonati nelle campagne di Pollenza.

In queste ore sembra esserci una piccola svolta in quanto è stato compiuto un fermo. Si tratta di Innocent Oseghale, un uomo di nazionalità nigeriana che quasi sicuramente ha avuto a che fare con l’omicidio della giovane che proprio lunedì aveva deciso di scappare dalla comunità “Pars” di Corridonia, dove era stata inserita dai genitori per compiere un percorso di recupero dalla dipendenza di droghe e sostanze stupefacenti. 

L’uomo è stato fermato grazie alla visione dei filmati delle telecamere da parte del nucleo investigativo della Compagnia e del Comando provinciale dei carabinieri di Macerata, i quali hanno interrogato anche altri membri della comunità nigeriana del posto, alcuni dei quali sono ancora trattenuti negli uffici dei carabinieri. 

Non è ancora certo però il motivo per cui le due parti si siano incontrate. Gli investigatori stanno indagando per scoprire se i due fossero già d’accordo sull’incontro, o se è stato del tutto causale. Potrebbe essere infatti che alla giovane sia stata offerta della droga, e da lì sia iniziato il tutto. La conferma avviene anche dal fatto che Pamela, dopo essere arrivata a destinazione tramite l’utilizzo di un taxi, si sia recata in una farmacia per acquistare una siringa da “droga”

Nonostante Innocent Oseghale continui a negare di essere l’artefice dell’omicidio della giovane ragazza, le prove sembrano essere schiaccianti nei suoi confronti: i carabinieri hanno infatti trovato i vestiti di Pamela sporchi di sangue all’interno dell’abitazione del nigeriano ed inoltre, nelle scorse ore, un testimone esterno ai fatti ha confermato di aver visto Innocent camminare nelle campagna di Pollenza, con i due trolley proprio martedì sera, giorno dell’omicidio della diciottenne.

Gli investigatori stanno continuando le indagini per poter arrivare a scoprire di più sul macabro omicidio della giovane ragazza.  

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Dèsirèe Dalla Fontana

Dèsirèe Dalla Fontana - Omicidi di questo genere fanno pensare che l'essere umano a volte superi qualsiasi limite esistente. Mi vengono i brividi al pensiero che una persona possa eseguire una cosa del genere su di un'altra persona, per di più giovane. Probabilmente, qualcosa nella mente di queste persone non funziona nel verso giusto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!